Commenta

Liti e schiamazzi:
tre denunce per
ubriachezza molesta

Denunciati per ubriachezza molesta e danneggiamento. E’ accaduto sabato notte a Sergnano, dove due stranieri dell’Est Europa a causa dei fumi dell’alcol, si sono picchiati violentemente. Non contenti hanno preso a colpi di mazza le rispettive automobili. Sono dovuti intervenire i carabinieri e l’ambulanza del 118 che ha trasportato i due in ospedale.

Ieri invece, intorno alle 4.30 in piazza Garibaldi a Crema, alcuni residenti hanno allertato le forze dell’ordine a causa di due persone che stavano gridando. Quando i militari sono giunti sul porto hanno trovato un marocchino palesemente ubriaco, che è stato portato al Maggiore per ricevere le cure mediche. F.G., queste le iniziali, 30enne, regolare nel territorio nazionale, sarà denunciato per ubriachezza molesta e segnalato alla Questura per il rigetto del rinnovo del permesso di soggiorno.

A Casaletto Vaprio intorno alle 5.30 due anziani hanno chiamato, spaventati, i carabinieri a causa di una donna che era sdraiata all’ingresso del condominio. Giunti sul posto i militari hanno trovato una 40enne colombiana talmente stordita dall’alcol da aver perso i sensi. La donna è stata portata all’ospedale e segnalata  alla Questura di Cremona per il rigetto del rilascio del permesso di soggiorno.

“In tutti gli episodi l’alterazione psicofisica era dovuta all’assunzione eccessiva di alcool avvenuta in esercizi pubblici, da parte di esercenti compiacenti – ha spiegato il Maggiore Giancarlo Carraro – Nei prossimi fine settimana verranno eseguiti dei mirati servizi di controllo della circolazione stradale, estendendoli anche, preventivamente, nei confronti degli esercenti di quei locali dove la mescita di sostanze alcoliche non viene svolta in maniera corretta”. L’invito che il Maggiore ha rivolto loro è quello di mantenere un maggior “senso di responsabilità, evitando di somministrare smodate quantità di sostanze alcoliche ai propri clienti, affinché tale azione possa non essere deleteria per gli utenti della strada”.

© Riproduzione riservata
Commenti