Commenta

Volley, l’Abo Offanengo
fa tredici:
3-0 all’Acqui

Una prova autoritaria, che ha reso apparentemente facile ciò che proprio non lo era, come suggeriva anche il tie break dell’andata. Con una prestazione pressoché impeccabile, l’Abo Offanengo ha liquidato 3-0 l’Arredo Frigo Makhymo Acqui nella seconda giornata di ritorno di B1 femminile (girone A) e ha così festeggiato la tredicesima vittoria stagionale, difendendo il secondo posto solitario a -2 dalla capolista Pinerolo.
Basta guardare i punteggi dei tre parziali per capire come l’equilibrio si sia preso una giornata di vacanza, perché la squadra di Giorgio Nibbio ha saputo rimanere in cattedra  per la quasi totalità dell’incontro, impedendo di fatto all’avversario di esprimere la propria miglior pallavolo.
Il fondamentale spartiacque è stata la battuta, dove l’Abo ha collezionato la bellezza di 14 ace (4 a testa con Porzio e Ginelli), ma Offanengo è stata superiore anche in ricezione, attacco e muro, quindi di fatto nell’intero gioco. Ben guidata in cabina di regia da Milani, la formazione neroverde si è espressa con la propria arma migliore, il collettivo, testimoniato anche dall’equa distribuzione dei punti individuali.
Al termine dell’incontro, la tradizionale premiazione della miglior giocatrice, con l’omaggio della Treccia d’Oro consegnato dal sindaco di Offanengo a Martina Ginelli, laterale neroverde.
Con il bottino pieno, l’Abo mantiene sette punti di vantaggio sul quarto posto, occupato dal Don Colleoni, prossimo avversario di Offanengo nel match di sabato a Trescore Balneario (Bergamo).

© Riproduzione riservata
Commenti