Commenta

Presentata la 32esima
edizione del Gran Carnevale
Cremasco. Novità e tradizioni

Tutto pronto per la 32esima edizione del Gran Carnevale Cremasco. L’attesa manifestazione, che ogni anno richiama migliaia di persone cremasche e non, prenderà il via sabato 27 gennaio, con il concerto de “Il Trillo” al San Domenico e la consegna delle chiavi della città da parte del sindaco al presidente del Comitato del Carnevale Eugenio Pisati.

Tante le novità, a partire dalla collaborazione con i giovani fumettisti del “Gataconia Comics”, che hanno realizzato un simpatico libricino sulla maschera cittadina. Nella storiella narrata il Gagèt, con le sue oche, è alle prese con la costruzione di un carro di carnevale. “Ci abbiamo messo tanta passione”, ha commentato l’illustratore Jimmy Fontana. Non mancheranno già dalla sera del concerto le sorprese, musicali e non.

Spazio a coriandoli e maschere a partire da domenica 28 gennaio. Alle 15 inizierà la sfilata gratuita per le vie del centro storico, con balli, musica e scenette. Il percorso prenderà il via in piazza Giovanni XXIII e da lì si arriverà fino in piazza Garibaldi.

Nelle tre domeniche di febbraio largo (è il caso di dirlo, visti i 18 metri di lunghezza) ai grandi carri allegorici. I gruppi costruttori (Barabèt, Gli Amici e i Pantelù) si sono davvero dati da fare, già dalla chiusura della scorsa edizione, che aveva visto trionfare “Sull’ali dorate” dei Barabèt.

Cinque i carri in gara:

  • SPIRITO GUERRIERO (Barabèt). La solidarietà verso chi è costretto a emigrare dalla propria terra a causa delle guerre
  • ISTINTO ANIMALE (Barabèt). Ancora un tema sociale che racconta il dramma della violenza sulle donne
  • BELLI COME IL SOLE (Barabèt). Biciclette volanti, nuvole e folletti sul carro dedicato al mondo fantastico dei bambini
  • FIATO ALLE TROMBE (Gli Amici). Per dare inizio alla grande festa del Carnevale
  • LA DOLCE VITA (Pantelù). Che racconta la gioventù bruciata di James Dean

Altri carri faranno da contorno, come quello del Mulin Rouge, animato dalla compagnia teatrale “I ViaVai” e quello di CremaComics che sarà gestito dal gruppo musicale “SteamPunk”.

Torneranno anche i mercatini del Carnevale, organizzati da Cinzia Miraglio, nelle domeniche delle grandi sfilate. L’11 febbraio torneranno in città anche gli amici del carnevale di Alba Adriatica e nello stesso weekend si terrà il 15esimo raduno dei camperisti. E ancora Marco Gipponi sarà nelle scuole con il suo spettacolo di burattini e ogni domenica saranno ospitati gruppi folkloristici diversi.

Anche la collaborazione con la Pro Loco cittadina si è fatta più stretta. “Vogliamo stare vicini a questa manifestazione – ha detto il presidente Vincenzo Cappelli – Per questo siamo a totale disposizione”. La Pro Loco ha aiutato fattivamente a promuovere il Carnevale attraverso i propri canali e avrà un infopoint in piazza Duomo. “Cercheremo di monitorare al meglio i flussi turistici. Sappiamo che la kermesse ha grande eco non solo nel circondario”. Inoltre il giovedì grasso, nella sede della Pro Locosi terrà una serata con “Pastòce e chisulì”, per celebrare le tradizioni locali”.

“Non basta un grazie per il grande lavoro del Comitato, il cui operato è visibile in questo periodo, ma che in realtà è attivo tutto l’anno – ha commentato il sindaco Stefania Bonaldi – Una realtà solida e feconda per Crema, che ogni anno si arricchisce e rinnova. L’Amministrazione, orgogliosamente, c’è. L’augurio è che siano quattro settimane di divertimento e spensieratezza”.

Il ringraziamento più sentito è stato quello del presidente Pisati, che ha ricordato il grande lavoro dei volontari: “In questo evento ci mettono l’anima e il cuore, realizzando così una festa grandiosa senza alcun riscontro economico, anzi, spesso investendo le proprie risorse. Il nostro obiettivo, in tanti anni, non è mai cambiato: portare un’esplosione di goliardia e qualche attimo di felicità a grandi e piccini. Lasciate entrare i colori e che abbia inizio il Carnevale”.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti