Commenta

Prima partita del nuovo
anno per l'Abo
Offanengo a Cassano

E’ nuovamente tempo dei tre punti in palio per l’Abo Offanengo, formazione cremasca di B1 femminile attesa dalla ripresa di campionato dopo la sosta natalizia. Sabato alle 21 ad Albese con Cassano (Como) le ragazze di Giorgio Nibbio sfideranno la Tecnoteam nel primo impegno ufficiale del 2018, valido al contempo come terz’ultima giornata del girone d’andata del raggruppamento A della terza serie nazionale “rosa”. Per Offanengo, il vecchio anno solare si era concluso con il sorriso grazie al 3-1 casalingo contro Lurano e l’approdo al quarto posto in classifica. Ora – dopo la sosta natalizia, dove si registra purtroppo il lungo stop per infortunio per la laterale Giorgia Rancati – si torna in campo con un test probante, visto che la Tecnoteam è settima a tre lunghezze dalle cremasche.
“Affrontiamo – afferma coach Nibbio – una squadra che sta disputando un ottimo campionato, una formazione molto giovane che per caratteristiche mi sembra simile a Settimo Torinese. Può contare su laterali brave come Coulibaly e Teli e nel complesso gioca molto bene, soprattutto in casa. Contro una squadra giovane del genere, servono molta determinazione e pazienza; inoltre, riprendendo da una sosta lunga l’approccio mentale sarà molto importante. Nella pausa, pur dovendo fare i conti con l’infortunio di Rancati e varie influenze, abbiamo lavorato bene, curando alcuni aspetti del nostro gioco da aggiustare poi visti nell’allenamento congiunto con l’Esperia. Ora dobbiamo ritrovare il ritmo gara e ci aspetta subito un bel test”.

L’AVVERSARIO – La Tecnoteam Albese è allenata da Sara Mazza e in classifica ha 19 punti, frutto di sette vittorie e tre sconfitte. In casa, le comasche hanno sempre vinto ad eccezione del match contro Don Colleoni (0-3), mentre nell’ultimo turno del 2017 hanno ceduto in tre set sul campo della Lilliput Settimo Torinese.
“Finora – spiega il direttore sportivo Gabriele Mozzanica – il nostro campionato è andato oltre le più rosee aspettative. Abbiamo allestito una squadra giovane per salvarsi il prima possibile; al momento siamo ampiamente in linea e l’obiettivo non cambia: mettiamo in cassaforte la permanenza in B1 prima che si può, poi giocheremo di partita in partita. Cerchiamo di far crescere le  ragazze, al centro di un progetto triennale che tra due stagioni punta alla disputa dei play off. Parlare di serie A è troppo per una realtà come la nostra, con una società familiare che va avanti grazie alla grande passione di Graziano Crimella, presidente da 40 anni e titolare della Tecnoteam”. Quindi aggiunge. “L’Abo Offanengo è una formazione ben allestita, con un buon mix tra atlete esperte come Porzio e Portalupi e diverse giovani di valore, tra cui Milani (che avevamo contattato in estate) e Hodzic, che si sta mettendo in luce a questi livelli. Inoltre, in panchina c’è un condottiero come Giorgio Nibbio che conosco dai tempi della serie A e che fa giocare bene le sue squadre, soprattutto nel muro-difesa. L’Abo sta facendo molto bene e credo sia fuori portata per le formazioni che devono salvarsi. Rispetto a noi, Offanengo ha maggiore esperienza”. La Tecnoteam si è preparata alla sfida con l’allenamento congiunto di giovedì a Pisogne (3-1 per le bresciane) e rispetto a inizio stagione non ha più in roster la centrale Veronica De Pippo.

GLI ARBITRI – A dirigere l’incontro tra Tecnoteam Albese e Abo Offanengo saranno il primo arbitro Davide Di Dio Perna e il secondo arbitro Iole Campanile.

© Riproduzione riservata
Commenti