Cronaca
Commenta

Per il Crema un derby da incorniciare: il 2 a 0 infiamma il Voltini

AC CREMA – US PERGOLETTESE 2-0

Reti: Porcino (38’), Pagano (42’ st)

AC CREMA: Marenco, Donida, Gomez, Scietti, Marrazzo (37’ st Davini), Stankevicius, Ogliari (37’ st Gibeni), Mandelli, Porcino, Bahirov, Tonon (14’ st Pagano). Allenatore: Sergio Porrini. A disposizione: De Bastiani, Erpen, Capuano, Matei, Dell’Anna, Tomas.

US PERGOLETTESE: Ghirlandi, Premoli, Villa, Dragoni, Brero, Contini, Piras (35’ st Morello), Boschetti, Ferrario, Manzoni, Pedrabissi (24’ st Poesio). Allenatore: Paolo Curti. A disposizione: Guerreschi, Armanni, Baggi, Pizza, Pezzi, Sonzogni

Arbitro: Alessandro Di Graci (sez. di Como), con gli assistenti Andrea Torresan (sez. di Bassano del Grappa) e Nicola Scapini (sez. di Legnago)

Ammoniti: Mandelli, Gomez, Ferrario, Porcino, Contini, Bahirov

Ai ragazzi di mister Porrini era chiesta una prova di carattere. E la prova di carattere c’è stata. Un Crema che porta a casa un 2 a 0 meritato, dopo aver lottato per tutta la partita e mantenuto vivo e dinamico il gioco anche dopo il vantaggio conquistato nel primo tempo. Al di là dei gol, buone occasioni sia da una parte che dall’altra, per un derby che non ha deluso le aspettative e ha regalato emozioni ai tanti spettatori convenuti al Voltini per la partita in serale.

Ad avvio di match parte bene il Pergo, con un tiro al volo dalla destra di Pedrabissi, che dalla fascia in tandem con Premoli ha creato tante occasioni lungo tutta la partita. Al 10’ ci prova il Crema, con un tiro da fuori di Gomez non trattenuto da Ghirlandi e Marrazzo che per poco non interviene sulla respinta; e ancora al 12’ il Crema, con un tiro di Porcino respinto. Ma al 15’ c’è la prima grande occasione per il Pergo, con un pallone respinto con i pugni da Marenco che arriva sulla testa di Boschetti, incapace però di inquadrare lo specchio della porta. Cavalcata di Bahirov al 21’, che tenta poi una conclusione debole e imprecisa. Al 23’ Ferrario alluna di testa e Boschetti tenta la conclusione a rete, ma la palla finisce fuori. L’occasione migliore per il Pergo arriva al 29’, con Dragoni che si trova il pallone tra i piedi solo davanti alla porta, ma il suo tiro finisce di pochissimi centimetri alla sinistra della porta difesa da Marenco. I gialloblù pagano l’occasione mancata: al 38’ è il Crema a passare in vantaggio, grazie a una punizione di Porcino deviata dalla barriera, con traiettoria che diventa imprendibile per Ghirlandi.

Nella ripresa il Pergo cerca di riprendersi dallo choc, e al 7’ arriva un insidioso tiro-cros di Boschetti, parato da Marenco. Entra nel Crema Pagano al posto di Tonon, e subito fa sentire la sua pressione: al 21’ Marrazzo cede il pallone al nuovo entrato, che tenta la conclusione a rete, deviata. Al 22’ grande occasione ancora per i nerobianchi, con pallone che sfila davanti alla porta da un palo all’altro, e all’ultimo viene toccata verso la porta da Marrazzo che però non inquadra lo specchio. Al 32’ ci prova Mandelli da fuori, e il suo tiro sfiora il sette. Ma l’occasione più grande sprecata dal Crema arriva al 36’: tiro di Pagano respinto da Ghirlandi e pallone che arriva tra i piedi di Bahirov, ma l’attaccante del Crema, solo davanti alla porta, incredibilmente spara alto. I nerobianchi rischiano di pagare il gol mancato: perdono un pallone da cui nasce un’azione d’attacco gialloblù che si conclude con una gran girata di Ferrario, ma Marenco ci mette una mano e la traversa compie l’opera di salvare la porta del Crema. Nuovo ribaltamento di fronte, e arriva il gran gol del 2 a 0 per il Crema: perfetto il nuovo entrato Gibeni a incunearsi sulla sinistra, cross al centro impeccabile per i piedi di Pagano, che si esibisce in una gran girata a rete. È il definitivo 2 a 0 per il Crema.

Visibilmente soddisfatto mister Porrini a fine partita: «Questo è il Crema che vogliamo vedere. Nelle ultime partite ci eravamo “imborghesiti”: poca grinta e poca voglia di lottare per la vittoria. Dopo il brutto episodio di domenica scorsa, in settimana abbiamo lavorato per ritrovare quella motivazione e quel carattere senza del quale non si ottengono punti. Il carattere stasera lo si è visto: una squadra che ha ben giocato dall’inizio alla fine, che non si è disunita nonostante il Pergo per buona parte del primo tempo abbia avuto una certa superiorità in campo, e che non ha abbassato la guardia dopo il gol, ma anzi ha continuato a lottare e ha avuto diverse occasioni prima di mettere a segno il 2 a 0. Questo è quello che i tifosi e la società voleva vedere, e sono contento che i ragazzi abbiano ritrovato la grinta, e la voglia di onorare a pieno la maglia che indossano. Non si è trattato solo della vittoria di un derby: abbiamo portato a casa tre punti importantissimi che ci rilanciano in classifica e che ci permettono di ripartire con la voglia di dare un nuovo indirizzo a questo campionato».

© Riproduzione riservata
Commenti