Scuole
Commenta

L'Iis Sraffa guarda al futuro: un'aula polivalente e la convenzione con il Teatro

L’istituto superiore Sraffa guarda al futuro con due progetti innovativi. Ieri è stata inaugurata l’aula polivalente e presentata la collaborazione con la Fondazione San Domenico per l’alternanza scuola-lavoro.

Già nel dicembre 2014 si parlava di didattica multimediale, generazione web e della creazione di sistemi modulari 3.0 per classi digitali. Ora tutto questo è realtà. Un’aula che presenta tre ambienti modulari e modulabili a seconda delle esigenze didattiche e formative, una zona lettura e consultazione, munita di divani dotati di alloggio per ricarica notebook ed un monitor touch da 70 pollici. “Didattica innovativa che stimola la mobilità del pensiero. Un modello che può essere replicato anche in altre scuole d’Italia”, ha commentato l’ex dirigente scolastico Arpini che ha fortemente creduto nel progetto.

L’istituto si apre così anche al territorio, in quanto c’è la possibilità che questo spazio venga utilizzato per eventi formativi concedendo l’uso ad enti e associazioni su richiesta.

E in tema di legami con il territorio si è deciso di sottoscrivere una convenzione con la Fondazione San Domenico per portare avanti l’alternanza scuola-lavoro. “L’istituto Sraffa-Marazzi ora gestisce quasi in toto i servizi del teatro – ha spiegato il presidente della Fondazione Peppino Strada – e questo accordo potrà ampliarsi ancora di più”. E’ infatti già nell’aria l’idea di coinvolgere anche il corso elettronico del Marazzi, per dare supporto ai tecnici audio/luci del teatro. Da tempo, invece, al teatro presenziano i ragazzi del corso gastronomico (servizio catering), turistico (maschere e hostess) e moda (aiuto sartoria).

“Lo Sraffa dimostra una vivacità tangibile che beneficia il territorio. Queste esperienze permetteranno ai ragazzi di crescere”, ha detto l’assessore all’Istruzione del Comune di Crema Attilio Galmozzi, cui hanno fato eco le parole della collega alla Cultura Emanuela Nichetti: “Sono iniziative che hanno ricadute positive sulla città”.

Un’altra novità è la creazione di una vera e propria agenzia turistica che, grazie a un piccolo fondo concesso dalla Popolare per il Territorio, venderà i servizi del teatro. Una piccola start-up, con la quale i ragazzi del corso turistico impareranno a gestire un’azienda a 360° con l’aiuto del nuovo consigliere del Cda del San Domenico Marta Fontanella, nominata amministratore delegato dell’agenzia.

Ambra Bellandi

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti