Commenta

11esima Maratonina 'Città di
Crema': il 19 novembre la gara
apprezzata da tutti i runners

Una mezza maratona sicura, completamente esclusa dal traffico delle auto, e molto veloce, con un gran finale door-to-door tra i due accessi storici della città in un unico chilometro fino al traguardo nella piazza più grande passando dal centro storico e dalla piazza del Duomo. Gli esperti di podistica non hanno dubbi: la Maratonina di Crema è una gara molto bella, non a caso arrivata all’undicesima edizione, pur tra qualche difficoltà dovuta alle nuove regole della federazione che attualmente agevolano poche realtà più grandi e danneggiano regioni, come la Lombardia, dove le gare sono molto numerose.

Franco Pilenga, organizzatore per la Bike&Run dell’evento, tiene a precisare la complessità e ricchezza della mezza maratona quando la si vuole preparare al meglio in tutti i dettagli (maglie, ristoro, tecnologia chip per i tempi, medaglia, diploma, assistenza medica) anche per questo avrebbe preferito maggiore sostegno dalla Fidal: “Purtroppo è proprio la federazione di atletica leggera a complicare il lavoro degli organizzatori, con la recente introduzione di regole e normative che di fatto rendono difficile, se non impossibile, organizzare manifestazioni podistiche, sia pure quelle capaci di attirare migliaia di partecipanti nel corso degli anni”. Tuttavia, ha commentato il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, “questa edizione c’è, si farà, ci saranno sicuramente molti iscritti: va ricordato che sarà l’ultima senza una pista di atletica, e quando avremo anche la pista daremo ai tanti appassionati la possibilità di allenarsi; la Maratonina ha il grande merito di aver stimolato la corsa, l’attività di movimento. Tutto si tiene, oggi si vedono ad ogni ora del giorno e della notte persone in città che corrono, vuol dire che è stato fatto un ottimo lavoro e questo continuerà”.

Il percorso, lungo 21,097 chilometri omologato dalla Fidal, è incentrato sulla città ma non è soltanto urbano, si snoderà tra i Comuni di Crema, Capergnanica e Ripalta Cremasca e alternerà città e campagna. Lungo il tracciato vigileranno 120 volontari.

MEZZA MARATONA E MARIAN TEN – Una delle caratteristiche storiche dell’evento cremasco è la sua doppia natura: la gara nazionale su percorso omologato e la dieci km non competitiva dedicata alla memoria di Marianna Rota. Dal punto di vista tecnico sono trattate però allo stesso modo, escluse ovviamente le premiazioni, e non manca mai la sensibilità sociale. Quest’anno la Bike&Run ha istituito anche due borse di studio per gli under15 in memoria di Tommaso Rossi, giovane promessa dello sport locale, per favorire la pratica sportiva dei migliori atleti di entrambi i sessi.

I RUNNER FAVORITI – Tra i nomi di rilievo che invece si candidano a vincere la 21 km, si annoverano, al momento iscritti (il termine è il 17 novembre) Silvia Radaelli, prima italiana alla recente mezza maratona di Lodi, Sara Bottarelli, più volte nazionale, le gemelle Vassallo, giovanissime atlete siciliane, Francesco Bona, atleta di esperienza con un 1:04:35 di record, Antonino Lollo, che nel 2017 ha migliorato i suoi record personali su 5.000, 10.000 e mezza maratona.

PROGRAMMA – Sabato 18 novembre, dalle 16 alle 19 (e la domenica dalle 7 alle 8.30): ritiro pettorali presso la palestra del liceo scientifico in Via Palmieri. Domenica 19 novembre, alle 9.15, si terrà la partenza da piazza Garibaldi
Corsa 10 km Marian Ten: Sabato 18 novembre dalle 16 alle 19 (e la domenica dalle 7 alle 8.15): ritiro pettorali presso la palestra del liceo scientifico. La partenza si terrà domenica 19 novembre alle 8.30.

Informazioni: www.maratoninacittadicrema.online
Informazioni Gara: 393 7841857
Quote iscrizioni: dai 22 ai 33 euro per la competitiva, dai 16 ai 18 euro per la non competitiva.

 

© Riproduzione riservata
Commenti