Cronaca
Commenta

Festa per i 20 anni della Comunità Colbert a Crema: il sogno di Giulia continua

Grande festa, lo scorso sabato 30 settembre, presso l’Istituto delle Suore Buon Pastore per celebrare i 20 anni di attività della Comunità, intitolata alla loro fondatrice, Giulia Colbert. Nella Torino della metà dell’Ottocento, la Marchesa Giulia Colbert cercava gli afflitti, soprattutto donne, per “cambiare le lacrime della disperazione nel sorriso dolce della speranza”.

Da 20 anni la Comunità a lei dedicata continua il suo sogno e accoglie donne per ridonare loro speranza. Molti i servizi avviati: la comunità che accoglie e sostiene mamme nel loro compito di costruire radici e mettere ali ai loro bambini; una comunità segreta che ha asciugato e asciuga lacrime di vittime di tratta e vittime di sfruttamento e maltrattamento; un Pronto Intervento che accoglie donne in situazione d’emergenza, in collaborazione con le Forze dell’Ordine e il Servizio di Emergenza Sociale; appartamenti di semi-autonomia dove si accompagnano donne e/o nuclei monoparentali nel difficile percorso di integrazione social; il Centro d’Ascolto, che orienta, offre un aiuto nella ricerca del lavoro e, da qualche anno, è molto attivo nella distribuzione di pacchi alimentari e infine, sin dagli inizi, la comunità collabora con varie agenzie del territorio (Scuole, Parrocchie, Associazioni, ecc) nella sensibilizzazione rispetto alle diverse problematiche sociali emergenti.

“La festa ha voluto essere segno di gratitudine per tutte le persone che hanno contribuito e contribuiscono a testimoniare l”I care’ di Giulia Colbert, che è  l”I care’ di Dio – hanno detto le organizzatrici – Nell’allegra e colorata festa, si è voluto soprattutto cantare e danzare “quanto buono è il Dio di Misericordia” con molte delle donne, ragazze, famiglie incontrate ed accompagnate in questi 20 anni di condivisione”

“Il grazie sentito alle suore del Buon Pastore per essere lievito di misericordia e strumento di una tenerezza che accoglie nel nostro territorio”. Il sogno di Giulia continua…

© Riproduzione riservata
Commenti