Ultim'ora
Commenta

Bimbo nato disabile: no del
giudice al maxi risarcimento
chiesto dalla famiglia

No al risarcimento di 5,43 milioni di euro chiesto da una famiglia che aveva fatto causa all’ospedale d Crema per il figlio nato con una disfunzione genetica. Lo ha deciso il giudice del tribunale di Cremona che ha condannato padre, madre e nonni a risarcire l’ospedale di 15mila euro di spese legali. La vicenda risale a qualche anno fa. Madre e padre, già genitori di due figli, avevano sostenuto che la ginecologa dell’ospedale non aveva informato la futura mamma degli esami per verificare la presenza di eventuali disfunzioni genetiche. Per contro l’ospedale si è sempre difeso dicendo di aver messo a conoscenza la donna di tutti gli accertamenti diagnostici e pure dei rischi che avrebbe comportato una gravidanza in età avanzata. Secondo la difesa dell’azienda ospedaliera, nelle precedenti gravidanze la donna non aveva voluto sottoporsi agli esami che le erano stati suggeriti per sincerarsi delle condizioni de feto.

© Riproduzione riservata
Commenti