Commenta

CremAutismo:
al San Luigi il primo
Open Day di Taisò

Sabato 30 settembre prove gratuite e dimostrazioni di questa antica arte marziale. Loredana Guida, organizzatrice di CremAutismo: «Un’attività sportiva sorprendente, ottimale per chi soffre di difficoltà motorie. Da provare»

Primo Open day di Taisò al centro San Luigi, sabato 30 settembre 2017 a partire dalle 16.00. Un’iniziativa fortemente voluta da CremAutismo, che organizza l’evento, che vedrà la partecipazione anche di Baskin Offanengo e sarà patrocinata dal Progetto Sportabilità.

«La giornata che abbiamo organizzato è davvero un’occasione per tutti coloro che vogliono conoscere da vicino una disciplina, il Taisò, non così diffusa ma molto benefica per coloro che soffrono di difficoltà motorie, e in modo particolare per le persone affette da forme di autismo, anche grave» spiega Loredana Guida , membro di CremAutismo e organizzatrice dell’evento insieme a Ilaria Brazioli.

«Quale contesto migliore se non il Centro San Luigi, fulcro del Progetto Sportabilità, per programmare l’Open day e avvicinare tutte le famiglie che vivono devono  quotidianamente la disabilità? Sabato 30 settembre tutti gli interessati potranno conoscere il maestro Paolo Scalvini, della scuola Ajkido Jajdo Yawara Do di Milano, un professionista che da 16 anni segue ragazzi con autismo e disabilità intellettiva in questa attività davvero sorprendente. Ad affiancarlo ci sarà anche la dottoressa Marilena Zacchini, esperta di autismo che supporta i ragazzi, agevolando la lezione. Scalvini farà prima delle dimostrazioni con il suo gruppo di allievi, poi si dedicherà agli utenti interessati a partecipare e agli operatori che vorranno formarsi e diventare, in futuro e a loro volta, insegnanti della disciplina» spiega Guida.

«Il sogno di tutti noi genitori è che anche a Crema possa essere calendarizzato un corso di Taisò, tanto di aiuto per i nostri ragazzi. Il San Luigi e gli operatori di Sportabilità sono pronti ad inserire in agenda l’appuntamento, con questa giornata vogliamo capire se c’è utenza e se ci sono operatori disponibili ad operare sul territorio». Già, poiché attualmente, ci ha spiegato la Guida « i corsi del maestro Scalvini si tengono a Piacenza, a Salò, a Milano, a Codogno, a Cernusco e a Lumezzane. Sarebbe davvero un’opportunità se anche a Crema ci fosse un corso come questo».

Il Centro San Luigi, grazie al Progetto Sportabilità, è diventato un centro inclusivo e aggregativo in cui già anche altre realtà praticano corsi e discipline sportive adatte alle diverse disabilità. «Ci è sembrato il luogo più adatto sia per organizzare questo Open Day, sia per ipotizzarne un corso specifico in futuro» ribadisce Guida. «Non tutti sanno che il Taisò è una ginnastica correttiva. Nasce da una scuola antica di arti marziali di origine cinogiapponese e mette al centro la conoscenza del proprio corpo e lo studio della cura e del benessere psicofisico. È la forma di ginnastica ideale per l’applicazione di esercizi psicomotori. Il Taisò si differenzia da altre scuola di pensiero perché cerca, tramite l’esecuzione corretta e completa del movimento, l’utilizzo della contrazione muscolare e tendinea senza che le stesse subiscano accorciamenti e si traduce in una pratica  di ginnastica correttiva e formativa. Tutti possono praticarla, anche se è particolarmente adatta alle forme di autismo, anche gravi. I ragazzi autistici allievi di Scalvini sono circa 50 distribuite nelle aree di competenza del maestro ed hanno un’ età compresa tra i 6 a i 38 anni. È da provare. Se praticata in maniera continuativa, porta davvero ad ottimi risultati» chiude Guida.

La giornata del 30 settembre sarà completata con altre attività «in modo che gli ospiti nell’attesa della prova potranno dilettarsi anche con altre discipline e potranno visitare il Centro». Appena prima della dimostrazione, infatti, si terrà la partita dei Leoni di Offanengo con i ragazzi del Baskin e ci saranno dei laboratori di bricolage svolti dall’associazione Filo Creativo di Flavia.

 

© Riproduzione riservata
Commenti