Commenta

Niente cartelle esattoriali a
Ferragosto: sospesi 1.600
avvisi nella nostra provincia

Niente cartelle esattoriali sotto l’ombrellone. I 1.604 avvisi in partenza dall’Agenzia delle Entrate verso la provincia di Cremona, come quelli di tutti gli altri territori lombardi, saranno infatti “sospesi dal 7 al 20 agosto, per ridurre al minimo i disagi in un periodo particolare dell’anno”. Lo ha comunicato la stessa Agenzia. Come si legge nella nota diramata, “l’Agenzia, guidata dal presidente Ernesto Maria Ruffini, ha disposto, d’intesa con gli operatori postali, il blocco della notifica di 52.367 atti che sarebbero altrimenti arrivati per posta, a cui aggiungere i 9.241 previsti con posta elettronica certificata (pec), per un totale, in Lombardia, di quasi 62mila cartelle e avvisi che invece saranno ‘congelati'”.

La notifica, si legge nella nota, riprenderà dopo il periodo di sospensione “che, ovviamente, non sarà e non potrà essere un blocco totale perché alcuni atti inderogabili (circa 1.900) dovranno essere, comunque, inviati”. Nel dettaglio, a Milano e provincia saranno sospesi complessivamente 23.290 cartelle e avvisi, a Monza Brianza 6.207, a Varese 6.184, a Bergamo 5.654, a Brescia 5.199, Pavia 4.175, Como 3.034, Lodi 2.163, Mantova 2.011, Cremona 1.614, Lecco 1.602 e infine Sondrio 475. La Lombardia con 61.608 atti sospesi è al 2° posto nella speciale classifica regionale “zero-cartelle” (esclusa la Sicilia dove Agenzia delle entrate-Riscossione non opera), dopo il Lazio con 109.631 e seguita dalla Campania con 45.947. Tra le province, Milano è al 3° posto, dopo Napoli (23.335) e Roma (90.468), seguita da Torino con 15.726 atti sospesi nelle due settimane di Ferragosto.

lb

© Riproduzione riservata
Commenti