Politica
Commenta

Consiglio comunale: la discussione sulle linee programmatiche

Penultimo dei Consigli comunali prima della pausa estiva, ieri si è tenuto il dibattito riguardante le osservazioni alle linee programmatiche di mandato. 6 gli assenti in sala Ostaggi ma, d’altronde, è tempo di vacanze.

Chi è rimasto cerca di velocizzare i lavori: gli interventi sono stati piuttosto brevi, ma non per questo dai banchi della minoranza sono stati effettuati sconti alle linee di mandato di Stefania Bonaldi.

La prima voce del centrodestra arriva da Simone Beretta, che rimarca come “il programma è approfondito, ma io non vedo una scala di priorità ed ero convinto che, almeno tra voi della maggioranza, le aveste già decise”. Priorità che, durante le 2 ore di seduta consigliare, sono comunque emerse.

Dal sottopasso di viale Santa Maria, su cui entrambi gli schieramenti si sono trovati concordi, passando per la centralità del lavoro e l’attenzione ai quartieri, fino alla tanto agognata città inclusiva senza più barriere architettoniche. Ed è di nuovo Beretta a tenere i piedi di tutti inchiodati a terra: “E’ necessario, qualsiasi cosa si voglia fare, reperire risorse in parte corrente. Già riportando i servizi gestiti dall’Ica all’interno del Comune ci ritroveremmo con 300/400.000 euro”.

Più categorico il capogruppo della Lega Nord Andrea Agazzi, che sul tema del tribunale e della leadership territoriale ha espresso “imbarazzo e preoccupazione. Trovo che un maggior dialogo con Regione sia necessario per il bene del Comune”.

E se l’opposizione non ha fatto attendere le critiche, dai banchi della maggioranza si è ben visto l’appoggio alle linee per il “Bonaldi-bis”, a partire dai consiglieri Eugenio Vailati, Pietro Mombelli, Sante Pedrini e Francesco Lopopolo, che hanno sottolineato quali siano le priorità da tenere bene a mente, condividendo il programma “che è stato elaborato da tanti componenti”. “Legalità, partecipazione, equità: con queste 3 parole è possibile leggere tutto il programma di mandato”, ha concluso Emanuele Coti Zelati.

Un’ultima stoccata è arrivata da Beretta sulla questione vicesindaco: “Ci spiegherà – ha chiesto alla Bonaldi – ogni quanto lo cambierà. Credo che il primo rimpasto di Giunta sia prossimo”. A rispondere la consigliera Valentina Di Gennaro: “Noi ci fidiamo delle scelte del sindaco”.

La votazione alle linee è fissata per domani, mercoledì 2 agosto, alle 16.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti