Commenta

Conclusa la terza edizione di
'Clip'. Donati: 'Quasi 40 Paesi in
gara. Un momento straordinario'

Si è conclusa sabato 15 luglio, con un’indimenticabile concerto al chiaro di luna, la terza edizione del Concorso Lirico Internazionale di Portofino CLIP,  ideato e diretto da Francesco Daniel Donati, presidente dell’associazione musicale Giovanni Bottesini di Crema.

“Il concorso è nato nel 2015 per creare un momento d’incontro e confronto tra giovani cantanti a livello internazionale, offrendo loro una vetrina importante e la possibilità di sottoporsi al giudizio di una giuria di esperti – spiega Donati – Le edizioni passate hanno portato a nuovi contratti e collaborazioni per molti di loro, a testimonianza di come CLIP sia un’opportunità concreta per i partecipanti. Quest’anno siamo arrivati a quasi 40 paesi in gara, un’occasione straordinaria di scambio e arricchimento culturale”.

Accolto con entusiasmo e calore dal mondo della Lirica, dal territorio che l’ha ospitato e dal pubblico, il concorso CLIP ha conquistato in questi tre anni un posto d’onore fra gli appuntamenti più attesi dell’estate di Portofino e di tutta la Liguria, confermando di avere messo radici in questa terra. A confermarlo la serata di sabato, che ha visto i dieci finalisti regalare a un folto pubblico di appassionati dieci fra le arie d’opera più celebri di tutti i tempi.

A vincere a pari merito sono due donne: la Mezzo Soprano americana Raehann Bryce Davis (vincitrice anche del Premio del Pubblico) e la Mezzo Soprano ungherese Szilvia Vörös; al secondo posto il Baritono coreano Benjamin Cho e il basso Alexander Raslavet, proveniente dalla Bielorussia. Al terzo la Soprano italiana Chiara Isotton e il baritono bielorusso Ilya Silchukou. La giuria ha assegnato infine i premi speciali: il Premio della Giuria alla Soprano georgiana Mariam Pirtskhalaishvili, il Premio Città di Crema (che consiste in un concerto retribuito a  Crema) alla Mezzo Soprano russa Yulia Mennibaeva. Al Basso serbo Sava Vemic e al Mezzosoprano coreano Celeste Bang infine la proposta di un concerto retribuito con l’Orchestra dell’Opera Italiana. A ognuno di loro verrà data inoltre l’opportunità di partecipare alle audizioni in programma nei teatri rappresentati dai membri della giuria, in vista delle prossime produzioni d’opera.

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti