Un commento

Jotta (Fi): 'Zucchi ha fatto
il possibile. Simone Beretta?
Leale, seggio meritato'

“Riguardo l’impegno profuso dal candidato Enrico Zucchi non c’è nulla da dire: si è impegnato con determinazione ed entusiasmo. Ha fatto tutto il possibile e anche di più”. E’ il commento del coordinatore provinciale di Forza Italia Mino Jotta riguardo le amministrative cremasche. “Il ballottaggio si gioca tra due candidati, ma i partiti hanno avuto un ruolo determinante al primo turno: tutti hanno fatto il proprio lavoro”.

Nessuna recriminazione, nessuna croce da buttare addosso al capro espiatorio di turno; in Jotta prevale la consapevolezza che ci debba essere una corale “assunzione di responsabilità riguardo al risultato, che, però – rimarca – non intacca assolutamente la dedizione che si è avuta in questa campagna elettorale né l’importante capitale umano che ha deciso di mettersi in gioco. Credo che non siamo riusciti, nonostante tutto, a far percepire la bontà del progetto”.

Sulle tensioni interne, che ora sembrano voler tornare a galla, c’è poco da dire: “La pressione psicologica di questi mesi sta trovando sfogo. Purtroppo si finisce con il mettere in piazza quello che dovrebbe restare in casa”. Il coordinatore azzurro, come più volte ha avuto modo di sottolineare anche nei delicati mesi che vedevano in campo la candidatura di Simone Beretta, predilige una cultura nel fronteggiare i problemi per la quale “ci si chiude in una stanza, ce le si dà (metaforicamente) di santa ragione e se ne esce con una quadra”.

E a proposito di Beretta, Jotta tiene a lodare un lavoro “leale, svolto pancia a terra. Mi dà un senso di appagamento la sua presenza in Consiglio a Crema: è un seggio più che meritato. Simone è un uomo e un politico responsabile”.

Indietro, comunque, non si torna. “E anche se si potesse io sono convinto che se in quel contesto le condizioni erano propense per la candidatura di Zucchi, non ci sarebbe nessun altro da sostenere”. Le candidature per le comunali, ricordiamo, in Forza Italia vengono prese in accordo con il coordinamento regionale (Mariastella Gelmini, ndr), “io non sono un anarchico, penso al bene del partito e mi adeguo, cercando di coinvolgere e motivare tutti”.

Ambra Bellandi

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Bepi

    Il centrodestra è una scatola vuota.
    Ad ogni elezione si tirano fuori i conigli dal cilindro.