Commenta

Sraffa: concluso il progetto
ERASMUS + S.M.I.L.E. A Mi
convegno internazionale

Si è conclusa oggi l’esperienza che ha visto l’istituto Sraffa coordinatore del progetto europeo Erasmus +Slow down, Move your body, Improve your diet, Learn for Life and Enjoy school time (S.M.I.LE.)”, con la collaborazione dei partner nazionali Convitto Nazionale Domenico Cirillo di Bari e Università degli Studi di Milano ed europei, provenienti da Romania (Liceul Tehnologic Petrol), Turchia (Atisalani Asnadolu Lises), Lettonia (Bauskas Valsts Gimnazija), Polonia (VI Liceum Ogolnoksztalcace Im. Krola Zygmunta Augusta W Bialymstoku). L’evento conclusivo si è tenuto a Milano, presso una sede prestigiosa, quella dell’ateneo cittadino di via Festa del Perdono, con un convegno internazionale dal titolo “21st Century Strategies to Tackle Early School Leaving”, un’occasione per fare il punto di ciò che è stato fatto in questi anni nell’ambito di questa iniziativa. Un progetto che ha avuto quale obbiettivo, quello di ridurre il tasso di abbandono scolastico precoce nelle scuole secondarie europee e nello stesso tempo, stimolare negli studenti l’acquisizione di conoscenze, abilità e competenze per far fronte alle richieste di una società basata sulla conoscenza. Numerosi i relatori: dallo svizzero Pierre Zappelli, presidente del Panathlon International, agli ospiti internazionali Bart Verswijvel, Arjana Blazic, Kornelia Lhynova, dai referenti ministeriali ed esperti per la metodologia CLIL, ai docenti degli istituti che hanno partecipato al progetto. L’illustrazione del valore educativo dello sport nelle strategie per combattere l’abbandono scolastico (tema più volte trattato nei mesi scorsi allo Sraffa, vedasi incontri con i personaggi del mondo dello sport, Emiliano Mondonico, Sergio Porrini, Nicola Ravaglia, Carlotta Cambi, Giada Cecchetto, Walter Della Frera) e la presentazione di alcuni lavori hanno completato la giornata.

Grande soddisfazione è stata espressa dal dirigente scolastico Flavio Arpini, il quale si è complimentato per la passione, l’impegno e l’attività di questi anni portata avanti dalla coordinatrice del progetto Erasmus Smile, Mariella Brunazzi e dalle colleghe Maria Angela Cerri ed Elena Fusar Poli. Di particolare interesse le relazioni dei rappresentanti di regione Lombardia (Maria Megna) e del Miur, Gisella Langè e Letizia Cinganotto (Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa – Indire).

In particolare per Gisella Langè, ispettore tecnico di lingue straniere presso l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, Erasmus Smile è stato un “progetto che ha coniugato valori tra lingue, educazione fisica, valori etici e capacità collaborativa. Una grande opportunità ed un modello riproponibile in altri contesti e un esempio di best practice che potrà essere illustrato in altri eventi del Miur.” Letizia Cinganotto invece, ha relazionato sulle innovazioni in tema di didattica delle lingue straniere, metodologia CLIL (Content and Language Integrated Learning, semplificando), TELL (Technology Enhanced Language Learning) e didattica digitale.

© Riproduzione riservata
Commenti