I commenti sono chiusi

Lo Sraffa all’Elfo Puccini
per il progetto Laiv porta
in scena Shakespiriamo

Le lezioni sono terminate da qualche giorno, ma è ancora vivo il ricordo dell’esperienza milanese per un gruppo di studenti di vari indirizzi dello Sraffa, che nei giorni scorsi hanno avuto la piacere di calcare il palcoscenico dell’Elfo Puccini, portando in scena Shakespiriamo, nell’ambito del progetto Laiv Action: acronimo di Laboratorio delle Arti Interpretative dal Vivo, la cui decima edizione ha visto la partecipazione di 112 scuole superiori. L’iniziative promossa da Fondazione Cariplo in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e Regione Lombardia, dal 2006 sostiene laboratori di musica, teatro e teatro musicale, realizzati nelle scuole secondarie di secondo grado.

Gli alunni dello Sraffa coordinati dalle docenti di lingue inglese Lorenza Grassi e Marzia Denina hanno recitato brani di Shakespeare, attualizzati con canzoni contemporanee e momenti di danza. Come accade ormai da diversi anni, l’allestimento scenico e la preparazione dei ragazzi è stata affidata a Damiano Grasselli del teatro Caverna di Romano di Lombardia, che ha coinvolto in questi mesi in particolare gli allievi del corso socio sanitario. Shakespiriamo ha previsto una parte introduttiva in italiano, ed in una seconda parte in inglese; i testi sono stati scritti dai ragazzi con la supervisione delle docenti. Quanto ai temi trattati, si passa dalla paura, alla follia, alla libertà, il tutto visto con l’occhio degli adolescenti.

L’obiettivo – ha sottolineato Lorenza Grassi – è stato quello di dimostrare come le tematiche del teatro shakespeariano, contrariamente a quello che si può pensare, sono ancora vicine ai ragazzi. La soddisfazione per la riuscita del progetto, va al di là degli applausi riscossi all’Elfo Puccini, per la consapevolezza che attraverso questo tipo di proposte si crea tra i ragazzi quell’empatia che consente di superare i propri limiti, sia con riferimento alla presenza sul palcoscenico, sia per la stessa recitazione in lingua inglese.

© Riproduzione riservata
Commenti