Ultim'ora
I commenti sono chiusi

Candidati a confronto
nella Tribuna elettorale
di Rinascimenti

I candidati sindaco con i giovani di RinasciMenti

Una sala Da Cemmo gremita, l’altra sera, per la Tribuna elettorale organizzata da RinasciMenti. I candidati sindaco alle amministrative dell’11 giugno si sono confrontati su alcuni temi proposti dai giovani dell’associazione.

Ambiente,giovani, scuola di Cl, sicurezza e cultura: questi i macro argomenti sui quali i candidati hanno dato risposta.

AMBIENTE E INQUINAMENTO – Stefania Bonaldi, sindaco uscente, ha ripercorso le strategie già messe in atto dall’Amministrazione per contrastare i livelli di Pm10. Tra queste l’adesione al Protocollo regionale di Arpa, la promozione della mobilità sostenibile e le misure di restringimento al traffico nella zona del centro; “per il futuro abbiamo in programma la riqualificazione energetica degli edifici pubblici e l’incremento della Ztl oltre che a sistemi di bike e car sharing”. Per Carlo Cattaneo “Crema dovrebbe farsi capofila sul territorio per presentare progetti in Regione e investire in risorse rinnovabili. E’ inoltre necessario attuare un maggiore lavaggio delle strade e incentivare ad utilizzare meno l’auto privata”. Enrico Zucchi ha concordato sulle misure da adottare, aggiungendo però la necessità di introdurre una maggiore “cultura rispetto al fenomeno. E’ necessario informare e spiegare come migliorare, ognuno nel suo piccolo, l’aria della città”. Mimma Aiello ha sottolineato, pur condividendo le scelte dell’Amministrazione, come “il servizio di trasporto pubblico non sia efficiente e andrebbe sostituito con quelle che erano le corrierine”; proponendo anche un centro di raccolta merci per evitare il transito dei corrieri in centro. Stesse idee per Luca Grossi, che ha aggiunto: “Risolvere tutto a livello comunale è impossibile, occorre una sinergia più ampia e uno studio scientifico della viabilità”.

CULTURA E POLITICHE GIOVANILI – Un tema sul quale tutti i candidati hanno fatto emergere idee simili: ai ragazzi vanno lasciati più spazi da gestire e la promozione culturale deve essere lasciata crescere attraverso le associazioni. Ampio respiro va dato alla biblioteca e al Sant’Agostino, affinché ospitino mostre e spettacoli, ma anche semplicemente che diventino luoghi nei quali i ragazzi possano trovarsi per studiare e socializzare.

ECOMOSTRO DI VIALE EUROPA – Argomento spinoso, tanto per i candidati quanto per i cremaschi stessi. Aiello, Bonaldi, Cattaneo, Grossi e Zucchi hanno concordato sullo “scempio lasciato in eredità dalla Charis”. Per Aiello e Grossi la destinazione d’uso deve restare ad edificio scolastico, gli altri candidati lascerebbero invece spazio affinché si recuperi la zona. Una soluzione immediata pare impossibile, date anche le vicende giudiziarie nelle quali versa ancora l’immobile di Cl.

SICUREZZA E LEGALITA’ – Zucchi ha posto l’accento sulla “percezione di insicurezza che c’è in città, percezione che il sindaco eletto, attraverso le scelte politiche, deve cambiare”. La Aiello ha invece parlato di “politiche sociali da attuare affinché le persone con problematiche particolari non vengano lasciate sole, incrementando l’attività del Sert”. Grossi ha sottolineato, sulla scia della Aiello, che certe zone della città e realtà sociali meriterebbero più attenzione. La Bonaldi ha invece rimarcato l’ottimo coordinamento interforze già presente a Crema, “per il futuro sono previste 180 videocamere dislocate nei quartieri”. Cattaneo ha puntato sulla deterrenza, “data dall’illuminazione, oltre a spiegare ai cittadini come auto tutelarsi”.

La serata si è conclusa con alcune domande del pubblico e l’appello al voto di ciascun candidato e, ovviamente, il grande ringraziamento ai giovani di RinasciMenti per aver organizzato il dibattito.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti