Cronaca
Commenta

Bando per la ricerca, sul Cremonese finanziati Foodtech e Reindustria

Sono due i progetti del nostro territorio che sono stati finanziati nell’ambito del Bando per gli ‘Accordi per la ricerca’, che vede un investimento complessivo sulla Regione Lombardia pari a 106 milioni per un totale di 32 progetti finanziati. Si tratta di: Foodtech, un progetto per la produzione di prodotti innovativi in campo zootecnico realizzato da Prophos Chemicals societa? a responsabilita? limitata; Advanced Cosmetic Manufacturing realizzato da: Rei – Reindustria Innovazione.

“Si tratta di una nuova misura lanciata dalla Regione Lombardia e che si è chiusa a gennaio 2017” spiega l’assessore all’Università, Ricerca e Open innovation, Luca Del Gobbo. I progetti (innovazione di prodotto o di processo di altissimo profilo) dovevano essere presentati da una ‘rete’ fatta da almeno un’impresa (di qualunque dimensione) e un centro di ricerca e/o Università. Ne sono arrivati poco meno di 100 e 51 sono stati ammessi alla fase di negoziazione. Hanno coinvolto 311 soggetti di cui 110 organismi di ricerca e 201 imprese, che presentavano un valore pari a 316 milioni di euro. Il 94 per cento dei progetti prevede l’utilizzo di tecnologie abilitanti e sempre per il 94 per cento si arriverà a brevettare il prodotto al termine del progetto.

“La nostra scelta – ha spiegato Del Gobbo – è dettata da due ragioni precise. Innanzitutto la vasta adesione che imprese, centri di ricerca e università hanno accordato a questa misura, capace di attrarre 91 progetti a contenuto altamente innovativo. Non vanno dimenticate, poi, le tante sollecitazioni arrivate nelle scorse settimane da parte del mondo imprenditoriale. Viste le opportunità offerte dagli Accordi, il nostro tessuto produttivo ci ha rivolto un chiaro invito ad investire maggiori risorse su questa misura”.

Ecco a disposizione ulteriori 66,7 milioni di euro che ci permetteranno di procedere allo scorrimento della graduatoria approvata lo scorso febbraio. “Diamo ossigeno e spazio ad altre grandi opportunità di sviluppo e di maggior benessere – ha concluso l’assessore – non solo a favore delle nostre imprese ma per tutti i cittadini. Far crescere l’innovazione vuol dire far crescere tutta la Lombardia”.

© Riproduzione riservata
Commenti