Commenta

Verso le regionali 2018:
Piloni in pole,
ricandidatura di Malvezzi

E’ iniziata la corsa alle Regionali del 2018. Manca un anno al voto ma in tanti cominciano a posizionarsi per essere pronti al via. In primo luogo il presidente Roberto Maroni che in più occasioni ha detto di essere pronto alla ricandidatura, scommettendo sulla stessa aggregazione politica (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, liste civiche) che governa la Lombardia.

Ma cremonesi e casalaschi non vorranno portare al Pirellone un loro candidato? Sottovoce negli ambienti Pd qualcuno comincia a far circolare il nome del sindaco Gianluca Galimberti, ma anche lui dovrebbe lasciare un anno prima della scadenza, mettendo insieme il Pd e liste civiche (un po’ quello che è successo con fare nuova la città). Un simile movimento scoprirebbe la casella del candidato sindaco anche se nel centrosinistra e tra le forze economche in tanti vedrebbero di buon occhio la candidatura di Carlo Cottarelli, economista della spending review, che proprio alla fine di quest’anno lascerà il Fondo Monetario Internazionale andandosene in pensione tornando ad abitare nella sua Cremona.

Chi gli è vicino conferma che a Cottarelli non dispiacerebbe un impegno civico per la sua città, ricalcando le orma di papà Celo, direttore dell’ospedale e ottimo assessore al bilancio in comune con le giunte Zaffanella. Il centrodestra ad oggi non ha un candidato sindaco spendibile, l’unico potrebbe essere Carlo Malvezzi ma il buon lavoro fatto in Regione porterebbe, di fatto, a una sua riconferma pressocchè certa.

© Riproduzione riservata
Commenti