Commenta

Gli studenti della primaria
dei Sabbioni alla scoperta
della tradizione organaria

Gli studenti della primaria dei Sabbioni sono andati alla scoperta della tradizione organaria cremasca.

Nei giorni scorsi gli alunni delle classi terze, accompagnati dalle insegnanti, hanno fatto visita alla fabbrica d’organi Pacifico Inzoli e figli, sita nel quartiere di Ombriano. La tradizione organaria affonda antiche radici nel territorio cremasco e l’opportunità di visitare un’attività artigianale che da sempre dona lustro alla nostra città è stata colta al volo dagli insegnanti, nell’ambito dell’approccio alla musica attraverso la conoscenza dei diversi strumenti.

Accolti dal titolare Claudio Bonizzi e dai suoi collaboratori, i bambini hanno ammirato un antico organo appena restaurato e in procinto di ritornare nella chiesetta di quel ramo del lago di Como tanto decantato dal Manzoni, la sua struttura interna e le differenti sonorità dello strumento. Ma non solo: hanno osservato stupiti le centinaia di canne d’organo di ogni misura create nel laboratorio, le specifiche tecniche del restauro tutto artigianale, persino i “trucchi del mestiere”, affascinati da questo meraviglioso strumento musicale e dalla complessità del lavoro richiesto agli organari.

Dopo aver soddisfatto le innumerevoli curiosità dei piccoli visitatori, Bonizzi ha ricevuto in dono dai piccoli visitatori un antico documento attestante il collaudo d’organo che la ditta Inzoli aveva effettuato già nei primi anni del secolo scorso nella cattedrale di Gravina di Puglia. Un’esperienza davvero istruttiva per questi ragazzi, che li ha portati a conoscere ed apprezzare un’attività artigianale, tipica del nostro territorio, che spera nelle nuove generazioni per essere portata avanti.

© Riproduzione riservata
Commenti