Commenta

Sraffa e lotta al doping:
la lezione dell’allenatore
Stefano Cosulich

Gli studenti di quindici classi dell’istituto Sraffa presso la sala conferenze dell’oratorio di Crema Nuova, per partecipare all’incontro dal titolo “lotta al doping”, promosso da Federazione italiana atletica leggera e Associazione italiana tecnici atletica leggera. A parlare ai ragazzi del fenomeno doping è stato Stefano Cosulich, allenatore specialista di atletica leggera, fiduciario tecnico Fidal della provincia di Cremona e docente della scuola regionale dello sport del Coni, che recentemente ha concluso il corso nazionale Coni di IV livello europeo per tecnici di atletica leggera.

Lo scopo dell’iniziativa è stato quello di promuovere una maggiore conoscenza e consapevolezza del problema doping nello sport. Questo, attraverso proprio il progetto nazionale “lotta al doping”, che vede protagonista la Fidal da ormai 14 anni e si rivolge alle classi quarte e quinte delle scuole superiori. Nel corso dell’incontro, preceduto dal saluto di don Angelo Frassi, per oltre vent’anni docente dello Sraffa, si è voluto sensibilizzare gli studenti illustrando loro un quadro generale della problematica, le sostanze dopanti, l’uso consapevole e inconsapevole che se ne fa quotidianamente, nel mondo del professionismo e soprattutto tra dilettanti e amatori.

Il doping probabilmente ha la stessa età dello sport – ha evidenziato il relatore – è nato nel momento in cui l’uomo ha desiderato confrontare le proprie abilità col suo simile o con gli animali e per farlo, ha iniziato a prepararsi al confronto aiutandosi con qualsiasi sistema. Nella seconda parte dell’incontro è stato proposto un excursus storico dei casi che hanno coinvolto le squadre dell’est europeo negli anni passati, i recenti scandali che hanno colpito atleti russi, e quelli che hanno interessato velocisti, ciclisti, pugili; infine, si è parlato anche di doping genetico e mental doping.

Il convegno rientra tra le iniziative del progetto Erasmus Smile, che si concluderà con un convegno internazionale a Milano nel prossimo mese di giugno, e che vede in questi giorni una delegazione dello Sraffa impegnata in una visita in Romania.

© Riproduzione riservata
Commenti