Ultim'ora
Commenta

Volley B2 femminile, Silvia
Raccagni: 'Abo Offanengo
in crescita sul piano fisico'

Il secondo allenatore e preparatore atletico illustra il lavoro durante la sosta e racconta il suo primo anno nella società cremasca, compreso il contributo da giocatrice per sopperire all’infortunio di Fontanari. Domani (mercoledì) alle 20 al PalaCoim amichevole con Ostiano
Qualche giorno per tirare il fiato e un periodo a cavallo tra due partite (e anni solari) prezioso per immettere benzina nel motore attraverso il lavoro fisico, prezioso alleato anche in prospettiva futura durante il prosieguo del campionato.
Oltre al fisiologico riposo, la sosta natalizia fa rima con carichi importanti di lavoro e anche l’Abo Offanengo non fa eccezione, con la squadra di Giorgio Nibbio in palestra in vista della ripresa del campionato di B2 femminile (girone B) che vedrà le cremasche – attualmente terze e in zona play off – ospitare al PalaCoim (sabato 7 gennaio alle 21) la capolista Conad Alsenese.
A fare il punto della situazione in casa Abo è Silvia Raccagni, secondo allenatore e preparatore atletico. Al primo anno a Offanengo, recentemente la Raccagni è stata impiegata anche in campo come centrale per sopperire all’infortunio di Francesca Fontanari.
In tema di lavoro atletico, cosa attende l’Abo in questo periodo di sosta del campionato?
“Il lavoro fisico di questa sosta è basato sul crescendo dei mesi scorsi, con il lavoro annuale che si articola in una continua progressione, sempre stando attenti ai feedback della squadra”.
Dal punto di vista fisico com’è andata la squadra in questa prima parte di stagione?
“Mi piace molto il percorso di questa squadra sotto questo punto di vista: le ragazze stanno crescendo anche sotto l’aspetto dell’approccio al lavoro e questo è di fondamentale importanza. Inoltre, anche il recupero di Sara Lodi è stato uno step importante da raggiungere per permettere a coach Nibbio di avere la rosa a completa disposizione”.
Come ti trovi a Offanengo nella tua prima avventura all’Abo?
“Mi trovo molto bene in ogni aspetto, stiamo facendo un percorso di crescita omogeneo che ci permette di migliorare sempre. Offanengo è un ambiente sereno e stimolante dove ognuno porta il proprio bagaglio. La società è sempre accorta e presente, lo staff con cui collaboro spalla a spalla è davvero di altissima qualità e le ragazze sono sempre rispettose del mio ruolo riuscendo a dare il giusto equilibrio tra un rapporto professionale e uno amichevole”.
Recentemente hai dovuto fare gli “straordinari” tornando in campo da centrale, il tuo ruolo storico nella carriera da giocatrice che avevi deciso di terminare prima di approdare a Offanengo: come vivi questa esperienza di “atleta per necessità”?
“Non è semplice tornare in campo dopo sette mesi di totale assenza in un contesto già strutturato. Ho semplicemente pensato che fosse corretto dare il mio contributo nel limite delle mie possibilità per sopperire a questa emergenza e stiamo facendo in modo che Francesca (Fontanari, ndc) rientri al più presto per potermi dedicare totalmente al mio ruolo”.
DOMANI AMICHEVOLE – Mercoledì alle 20 al PalaCoim di Offanengo l’Abo sosterrà un’amichevole con la Ra.Ma. Ostiano, formazione cremonese capolista del girone C di serie C lombarda.

© Riproduzione riservata
Commenti