Commenta

Nuovi punti di prelievo nei
Comuni del Cremasco con
sinergia tra sindaci e Asst

Un servizio ai cittadini, rivolto particolarmente a chi non ha grande dimestichezza con le nuove tecnologie e non sempre riesce a spostarsi con facilità verso l’ospedale Maggiore.

E’ questo il senso dell’apertura di nuovi punti di prelievo, che da lunedì si concretizzerà in molti Comuni del territorio Cremasco, e ai quali presto se ne aggiungeranno altri. Gli anziani e le fasce più deboli, ma anche chi vorrà usufruire della comodità di un servizio in paese, potranno recarsi presso gli ambulatori medici del proprio Comune per effettuare le analisi del sangue.

“E’ un servizio che abbiamo voluto aggiungere per essere ancora più presenti sul territorio – ha spiegato il direttore dell’Asst di Crema Luigi Ablondi – e anche per alleggerire il lavoro del cup”.

I punti prelievo attivi da lunedì 19 dicembre saranno: Ombriano, Ripalta Guerina, Chieve, Vaiano Cremasco, Ripalta Cremasca e San Michele
Dal 3 gennaio 2017 sarà attivo Zappello, cui faranno seguito Palazzo Pignano (9 gennaio), Bolzone (10 gennaio), Scannabue (12 gennaio) e Monte Cremasco (13 gennaio).

Tutti questi vanno ad aggiungersi a quelli già attivi di Spino d’Adda, Montodine, Offanengo, Sergnano, Bagnolo Cremasco, Vailate, Annicco, Pandino, Soncino, Castelleone e Capergnanica.

L’implementazione di punti di prelievo è stata possibile grazie, oltre che alla sinergia tra Comuni e Asst, alla collaborazione con la cooperativa “L’Abbraccio”, che si è occupata della formazione del personale che da lunedì svolgerà l’attività di accettazione e pagamento ticket, prelievo ematico e altro materiale biologico, e ritiro referti.

Tutti i sindaci presenti hanno rimarcato quanto questo sia “un servizio a beneficio del territorio Cremasco”.

Ambra Bellandi

 

© Riproduzione riservata
Commenti