Commenta

Il cuore non basta:
la Pallacanestro Crema
cade a Bergamo

Un grande cuore unito ad una buona prestazione di tutta la squadra, soprattutto degli under, non sono bastati alla Pallacanestro Crema ad avere ragione sulla Co.Mark Bergamo, cadendo nella decima giornata di campionato sul parquet orobico sotto i tiri do Mario Jose Ghersetti & Co 80 a 58.

La partita non è iniziata sotto una buona stella per i rosanero apparsi nel primo tempo macchinosi negli schemi quanto imprecisi e sfortunati sotto canestro, tanto da fare infuriare a più riprese coach Baldiraghi e lasciando campo libero ai padroni di casa guidati dalle magie di Ghersetti fino a chiudere il primo tempo in svantaggio di 16 punti. Vantaggio ulteriormente incrementato in apertura di secondo tempo fino a – 18. A questo punto, i cremaschi hanno saputo scuotersi dal torpore e grazie ad una trovata fluidità unita a delle ottime giocate del giovanissimo Davide Bovo autore di 7 punti e ad alcune triple del tridente Liberati, Pasqualin e Del Sorbo, ricucendo lo strappo fino ad un parziale negativo di -11. Il quarto e conclusivo periodo ha visto lo strappo in parte ricucito con tanta fatica, riaprirsi con il passare dei minuti fino al massimo negativo di -24.

Il calo fisico dei cremaschi, giunti alla fine delle proprie forze, unitamente all’inspiegabile quanto contestata espulsione del coach Massimiliano Baldiraghi, hanno fatto il resto, consegnando definitivamente il match in mano ai bergamaschi che scalciano così la Pallacanestro Crema giù dal gradino alto del podio facendola retrocedere alla seconda piazza in compagnia di Cento, Lecco e Faenza. “Siamo stati troppo timorosi nei primi due quarti dove abbiamo subito la loro superiorità fisica – ha detto Pietro Del Sorbo – nel terzo quarto, giocando più fluidi abbiamo giocato una buona pallacanestro. Purtroppo nei momenti in cui abbiamo provato a ricucire ci hanno spezzato le gambe con delle giocate individuali che hanno permesso di mantenere il gap accumulato nei primi due quarti”.

Nemmeno il tempo di leccarsi le ferite che è già tempo di indossare nuovamente le divise. Giovedì, i riflettori dei palazzetti si riaccenderanno per il turno infrasettimanale dell’Immacolata ed i rosanero cremaschi dovranno rifarsi dell’onta subita in terra ai piedi dei monti bergamaschi contro una Rucker Sanve San Vendemiano galvanizzata dal successo interno contro i pirates di Sestu. “Ora è importante guardare a giovedì dove ci giocheremo una finale per il reale obiettivo stagionale” il commento di Capitan Del Sorbo.

© Riproduzione riservata
Commenti