Commenta

Crema espugna il campo
di Treviglio e mantiene
la vetta della classifica

Vittoria di misura ma meritata per il Crema, che supera per 1 a 0 la Trevigliese, squadra dura e arcigna che ha lottato dal primo all’ultimo minuto. A decidere il risultato della partita il rigore prima procurato e poi messo a segno al 37′ da Jacopo Zenga, atterrato in area mentre si stava girando per concludere a rete. Tante le occasioni per il Crema, soprattutto nel primo tempo, dominato dai nerobianchi. Da segnalare in particolare due punizioni di Capelloni, parata la prima (al 7′) e fuori di poco la seconda (al 31′), e due occasionissime per Pedrocca: al 35′ su assist di Pagano, ma Pedrocca solo davanti al portiere la mette fuori; al 43′ l’assist perfetto è di Zenga, e questa volta Pedrocca ancora solo mira lo specchio della porta, ma Acerbis si allunga in una bellissima parata.

Secondo tempo più equilibrato. L’occasione migliore per il Crema al 23′, quando Sorti ben servito da Zenga mette in area un traversone che sfila davanti alla porta ma non c’è nessuno a metterla dentro. Due veri e propri brividi per la porta del Crema, protagonista in entrambi i casi, prima in negativo e poi in positivo, il portiere Tazzi (in campo fin dal primo minuto al posto di Alvigini fermato da un dolore alla spalla): al 7′ il numero 1 del Crema rinvia male e corto, anche a causa del terreno di gioco in cattive condizioni, Calloni raccoglie e cerca una conclusione frettolosa che finisce fuori; l’altro brivido è quasi allo scadere, al 49′, con Tazzi che questa volta si allunga benissimo e devia sulla traversa un colpo di testa di un attaccante della Trevigliese. Sulla ripartenza poi, appena prima del fischio finale, il Crema ha messo a segno un contropiede fulminante e Marrazzo si è trovato solo davanti al portiere, ma ha fallito il 2 a 0 calciando a lato.

 

Crema che dimentica subito la sconfitta di domenica scorsa, conferma il primo posto in classifica e si prepara alla difficile partita di domenica prossima al Voltini contro il Villa D’Almè.

 

© Riproduzione riservata
Commenti