Ambiente
Commenta

Padania Acque partecipa a Mediaexpo con laboratori sul tema acqua ed ecologia

Padania Acque è stata ospite per la prima volta della manifestazione Mediaexpo, che si è svolta dal 10 al 12 novembre, al Dipartimento di Informatica dell’Università.

Il gestore unico dell’idrico cremonese ha preso parte a questa importante iniziativa socio-educativa, riconoscendo l’alto valore didattico e formativo per gli alunni e il personale docente e per questo motivo ha organizzato due incontri sul tema della risorsa idrica presso l’aula Magna: il primo in collaborazione con il festival di letteratura per ragazzi Altrestorie e il secondo, invece, all’interno del calendario di laboratori proposti da Mediaexpo.

Giovedì 10 novembre il sindaco di Crema Stefania Bonaldi e il presidente di Padania Acque Claudio Bodini hanno accolto cinque classi degli istituti scolastici di Trescore Cremasco e di Vailate che hanno partecipato a un interessante approfondimento guidato da don Bruno Bignami (docente di Teologia morale presso lo Studio Teologico e Interdiocesano e l’ISSR di Crema, Cremona e Lodi e presidente della Fondazione Don Primo Mazzolari) sull’acqua come bene primario e prezioso, da tutelare e non sprecare.

Una lezione durante la quale don Bruno ha raccontato una storia attuale, strettamente legata al mondo in cui viviamo in cui la teologia, fondendosi con la moralità e l’ecologia, riflette su un aspetto apparentemente ovvio e scontato, ma invece fondamentale: l’acqua è un bene comune senza il quale non si potrebbe vivere pertanto deve essere salvaguardato, gestito e utilizzato sapientemente, con sobrietà.
Don Bignami, citando l’enciclica Laudato Sì di Papa Francesco, ha ricordato che “garantire l’acqua a tutti è un gesto di amore e un’opera di misericordia e che ognuno di noi può contribuire alla tutela del bene acqua”.

Venerdì 11 novembre, invece, il presidente Bodini ha incontrato 150 bambini della scuola primaria di Palazzo Pignano e di Crema spiegando loro “quel complesso mondo sotterraneo e sconosciuto ai più, ovvero le reti, gli impianti e tutte le tecnologie attraverso le quali ogni giorno la società depura e trasforma l’acqua, che proviene dalle nostre Alpi e che ha percorso centinaia di chilometri nelle profonde falde, in acqua corrente, purissima e fresca, che sicuramente è da preferire all’acqua conservata per mesi nelle bottiglie di plastica.”. Un dovere e una grande responsabilità che portano Padania Acque a prendersi cura dei cittadini, a rispettare l’ambiente e il nostro territorio.

Il laboratorio si è concluso con una sorpresa: l’arrivo di Glu Glu. I bambini hanno ballato insieme alla mascotte la sua canzone ufficiale e, al momento dei saluti, ogni classe ha voluto scattare una foto ricordo con l’amico rubinetto.

Per tutta la durata di Mediaexpo, Padania Acque ha messo a disposizione due naturizzatori con i quali dissetare gratuitamente i circa 7.000 visitatori.

© Riproduzione riservata
Commenti