Cronaca
Commenta

Le commemorazioni per i caduti della Grande Guerra a Palazzo Pignano

Nell’ambito delle commemorazioni del centenario della “Grande Guerra, 2015-2018 Un viaggio nella memoria”, la sezione di Palazzo Pignano dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci (Ancr) organizza le celebrazioni per le commemorazioni del 4 Novembre, Festa dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate.

Il programma prenderà il via sabato 23 ottobre con il ritrovo alle 9 presso il monumento ai Caduti di tutte le Guerre per l’alzabandiera cui seguirà un corteo accompagnato dalla banda “G. Verdi” di Casaletto Ceredano fino alla Pieve di Palazzo Pignano dove alle 10 verrà celebrata la Messa per i Caduti. I canti verranno eseguiti dal coro “Amici di Nikolajewka”. Al  termine della Messa ci sarà la deposizione della corona di alloro presso il monumento ai Caduti e discorso delle autorità.

La stessa mattina alle 11 si terrà l’inaugurazione della mostra “C’era una volta… la guerra” nella quale l’Associazione Modellisti di Pandino esporrà i diorami a tema mentre l’Associazione Storica Cimeetrincee e la sezione di Pandino dell’Ancr esporranno cimeli della Grande Guerra, documenti dal fronte integrando il tutto con materiale multimediale.

L’Ancr di Palazzo ha voluto, per l’occasione, sensibilizzare i cittadini sul tema, per non dimenticare la storia recente e comprendere appieno il significato della commemorazione dei caduti: “Riteniamo indispensabile coinvolgere quante più fasce di popolazione possibile in un progetto che ha il fine di ricreare una coscienza comune sulla rilevanza di situazioni storico-sociali quali le guerre mondiali che, anche se oramai ritenute lontane, rappresentano un punto fondamentale nella storia contemporanea e in molte situazioni, giungono fino alla cronaca. Inoltre gli eventi bellici di inizio ‘900 sono le basi su cui sono nati e sono cresciuti i valori fondanti dell’attuale società italiana ed europea”.

Per chi maggiori informazioni è possibile consultare il sito internet www.ancrpalazzopignano.it

© Riproduzione riservata
Commenti