Commenta

Si è conclusa la IV edizione
de 'I mondi di carta':
ancora un successo

Anche quest’anno “I mondi di carta” ha concluso in bellezza. Una manifestazione che abbraccia tanti settori e che riesce ad unirli tutti sotinaugurazioneto la bandiera della cultura gratuita.

“Un orgoglio e una gioia aver condotto questa IV edizione e aver creato, insieme a tutti i soci, eventi culturali e gastronomici di alto livello – ha spiegato il presidente Enrico Tupone – Il nostro obiettivo è regalare la cultura alla città e ai nostri concittadini. E anche quest’anno possiamo dire di aver raggiunto lo scopo”.

L’inaugurazione in piazza Duomo della scultura di Giuseppe Carta ha dato il via alla settimana di incontri e
manifestazioni che sono stati anche quest’anno il cuore dell’evento: un concerto della giovane cantautrice cremasca Jessica Sole Negri ha aperto le danze, per proseguire con una cena davvero a base di oca, tra tradizione e innovazione culinaria. Il pubblico di simona-atzoriun gremitissimo teatro San Domenico ha poi avuto la possibilità di ammirare la bravura e la capacità comunicativa di Simona Atzori, che ha danzato per i cremaschi e ha risposto alle loro domande.

I chiostri del Centro Culturale Sant’Agostino si sono animati durante lo scorso fine settimana, di stand di produttori tipici locali, che hanno proposto le loro eccellenze. Qualche tocco di stravaganza è stato offerto anche da prodotti umbri e siciliani, insieme a dolce francesi e al brie di Melun, città gemellata con Crema. E proprio gli amici francesi della Confrerie du Chevaliers du Brie hanno investito quattro nuovi cavalieri d’onore: il sindaco Stefania Bonaldi, il presidente de “I Mondi di Carta” Tupone, la vicepresidente Roberta Schira e il socio e chef Stefano Fagioli.

Ospite d’eccezione Eliana Liotta che ha presentato il suo best seller “La Dieta Smart Food” a cui è seguito un concerto di organo molto apprezzato. Lo strumento è uno degli elementi tipici della musica cremasca ed è stato suonato dal maestro Pietro Pasquini e accompagnato dalla voce del soprano Marcella Moroni. Non ha voluto mancare quest’anno il produttore cinematografico cremasco Pietro Valsecchi, che ha chiacchierato del suo rapporto con Crema e con il cibo. Un personaggio forse più conosciuto in ambienti lontani dalla sua città natale e che ha saputo farsi conoscere un po’ di più dai suoi concittadini.

La sera di sabato è stata dedicata alla musica con un concerto jazz curato da Valentina Gramazio, mentre la domenica ha visto protagonisti il cuoco di Lumen Vincenzo Soreca che ha cucinato il pane di pasta madre e soprattutto il momento forse più atteso di tutta la manifestazione, quando i tre chef stellati Claudio Sadler, Giancarlo Morelli e Filippo Lamantia hanno cucinato per oltre 120 persone. La giornata è stata intervallata da consulenze gratuite e da danze meditative e yoga, interventi che hanno raccolto numerose persone appassionate.

L’intera kermesse si è conclusa con la presenza di una donna di spessore: Barbara Alberti ha portato la sua grinta e la sua capacità dialettica in una Sala Pietro da Cemmo che le ha restituito tutto il calore che lei ha messo nel suo intervento.

Si chiude così la IV edizione de “I mondi di carta”, la cui macchina organizzativa è già al lavoro per il prossimo anno.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti