Ultim'ora
Commenta

Per l’Abo Offanengo
è ancora festa al
'Trofeo Taverna'

E’ sempre saldo il feeling tra l’Abo Offanengo e il Trofeo Taverna, kermesse pallavolistica cremasca che ha visto la squadra offanenghese conquistare per il secondo anno consecutivo il trofeo riservato alle compagini di B2 femminile.
L’atto conclusivo del “Trofeo dei Fiori-Trofeo Taverna” è andato in scena sabato pomeriggio al PalaCoim di Offanengo, sede di tutte le gare del quadrangolare. La giornata è iniziata con la finale terzo-quarto posto, con il successo della ‘Tomolpack Marudo’ a scapito del ‘Busnago’ (3-1), mentre a contendersi il trofeo erano l’’Abo’ e il ‘Brembo Volley Team’.
Con una bella prova a livello di intensità e di carattere, la squadra di Giorgio Nibbio è riuscita a spuntarla in quattro set al termine di una partita molto combattuta e ricca di scambi emozionanti, con le difese sugli scudi che hanno permesso di alzare il livello di spettacolo per la buona cornice di pubblico del PalaCoim. Abo con tanta voglia di vincere, come testimoniano i guizzi vincenti in rimonta nel primo e nel terzo parziale, mentre il secondo è finito nella cascina bergamasca. Più netto nell’andamento il quarto set, dove le padrone di casa erano avanti 21-14 prima di chiudere 25-22 nonostante il ritorno di fiamma del Brembo.
Nell’occasione, coach Nibbio ha tenuto a riposo precauzionale la centrale Francesca Fontanari, schierando la giovane Alessandra Caravaggi e Monica Rettani, quest’ultima al rientro in campo dopo un infortunio. Per il resto, staffetta da opposta tra Martina Boglio (primi due set) e Giorgia Rancati (terza e quarta frazione), mentre per il resto hanno disputato l’intero incontro Valentina Sghedoni in palleggio, Michela Musiari da libero e Alice Bocchino e Martina Ginelli in posto quattro. Proprio quest’ultima è stata la miglior marcatrice del match con 24 punti, con le doppie cifre dell’Abo completate da Bocchino (14), Rancati (11 punti) e Rettani (10). A livello di fondamentali, per Offanengo qualcosina in più in attacco, mentre il rendimento in battuta è stato superiore per il Brembo, dove ancora una volta la miglior marcatrice è stata Cassis (18 punti).
Al termine della finalissima, spazio alle premiazioni, con l’assegnazione di quattro premi individuali. Due sono stati festeggiati dall’Abo, con Martina Ginelli miglior giocatrice del torneo e Valentina Sghedoni miglior palleggiatrice della manifestazione. Gli altri, due, invece, sono finiti in terra bergamasca, con due atlete del Brembo sugli scudi: Sara Cassis (miglior schiacciatrice) e Alessandra Colantuoni (miglior libero).
Abo e Brembo si ritroveranno di fronte sabato alle 21 a Mapello (Bg) nella prima giornata del campionato di B2 femminile quando la posta in palio sarà più importante, con i primi tre punti della stagione come obiettivo. “Sabato sarà un’altra storia – osserva Nibbio – in questa finale abbiamo difeso molto e cercato di contenere gli errori, aspetto necessario per tener testa a una buona squadra come Brembo che ha queste caratteristiche. Da parte nostra, abbiamo disputato un buonissimo quarto set, abbiamo alzato la ricezione e migliorato il cambio palla, mentre per contro non abbiamo battuto bene e dobbiamo far meglio in contrattacco. Mi è piaciuto la voglia delle ragazze di stare in campo e di lottare”.

© Riproduzione riservata
Commenti