Commenta

Pier 'torna in campo'
con il cuore del quartiere
Il figlio Michele: 'Grazie'

Piergiorgio Boschiroli in campo, ieri, c’era. Ne sono dimostrazione i giocatori, gli organizzatori e il img-20160926-wa0005pubblico che era presente al primo memorial in onore del grande appassionato di calcio, scomparso lo scorso novembre a causa di un cancro.

Il Pier, come lo chiamavano tutti, abitava a San Carlo, dove per tanto tempo ha seguito la società sportiva, allenando, dando consigli, chiacchierando con i giocatori. Ma la sua passione calcistica non lo lasciava neppure durante le serate in oratorio, dove con gli amici, discuteva del campionato di serie A e della “sua” Fiorentina.

Per questo ieri, sul campo, le magliette delle squadre che si sono affrontate erano viola e bianche. Tutti hanno giocato, maschi e femmine, dal più giovane al più “anziano”. In partita anche Michele e Cristina, figli del Pier, che hanno speso parole di ringraziamento per quanti abbiano voluto onorare il ricordo del loro papà.

20160922_200644“E’ stata una giornata bellissima – ha raccontato Franco Dossena, amico del Pier – Giovani e meno giovani si sono incontrati per ricordare un grande uomo, un grande amico, un grande appassionato di calcio”. Non sono mancati i momenti di risata, con i giocatori più ‘attempati’ che si sono presentati con il bastone, il volontario della croce rossa che è arrivato in panchina con il defibrillatore e le ‘papere’ dei portieri della squadra viola, che si sono fatti segnare ben cinque gol da Cristina.

“Sono sicuro che Pier abbia riso tutto il tempo – ha detto Michele – Abbiamo dato 50 maglie e ne sono state richieste molte altre. Chiedo scusa se mi sono dimenticato di conteggiare qualcuno, ma tra l’emozione e la furia dell’organizzazione non ero del tutto preparato”.

Al termine della partita, che ha visto i viola perdere clamorosamenteimg-20160926-wa0008, Michele e Cristina, con la mamma Luisa e Marta e Alessandro, hanno ringraziato tutti e promesso che il torneo si ripeterà.

“Evviva l’amicizia, la felicità e la partecipazione, che si sublimano solo se condivise”, ha concluso
Michele.

“Pier per sempre uno di noi”, come scritto sulle maglie e, soprattutto nel cuore di tutti.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti