Commenta

Giovani Padani contro Polig:
'Incoerente la consegna
della Costituzione ai 18enni'

Volantini consegnati casa per casa e tra i giovani, è questa l’iniziativa dei “Giovani Padani del Cremasco” per protestare contro la decisione dell’Amministrazione comunale di Pandino di consegnare le costituzioni ai giovani diciottenni pandinesi. La cerimonia denominata “Festa Diciottenni” si svolgerà sabato e sarà aperta dal discorso e dagli auguri del sindaco seguiti dalla consegna della costituzione ai giovani della classe 1998.

L’azione dei Giovani Padani mira a far emergere l’incoerenza tra l’azione dell’Amministrazione cittadina pandinese a trazione Partito Democratico e l’azione del governo nazionale guidato dallo stesso partito: “Il sindaco PD consegna la costituzione, il presidente del consiglio PD vuole modificarla – fanno sapere i giovani sostenitori del Carroccio – Riteniamo poco serio che a consegnare le costituzioni sia un sindaco del Partito Democratico”. Daniel Bressan, coordinatore provinciale dei Giovani Padani ha sottolineato come “A Roma Matteo Renzi, segretario nazionale del PD, annuncia di voler mettere mano pesantemente al testo della costituzione, al contrario, lo stesso partito sul territorio consegna la costituzione ai giovani, oltre ad essere incoerenza è una palese offesa all’intelligenza dei diciottenni pandinesi!”

“I giovani di Pandino non hanno bisogno di passerelle ma di esempi concreti di solidità di valori – ha proseguito Bressan – questa Amministrazione comunale sta mostrando l’esatto contrario”. Sulla stessa linea anche Alessandro Mariconti, giovane militante della sezione Lega Nord di Pandino: “Siamo di fronte alla doppia faccia del Partito Democratico. Il sindaco Marie Louise Polig si decida: o ammette la propria incoerenza o si accoda al fronte del no al referendum di Renzi”.

© Riproduzione riservata
Commenti