Commenta

Per favorire una cultura di
solidarietà, a Crema arriva
la Marcia della Pace

L’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Crema, impegnato da anni sul territorio nella promozione di una cultura di pace, nonviolenza e solidarietà, organizza per la giornata di domenica 11 settembre 2016 la IV Marcia della Pace (I edizione per Crema e il Cremasco).

L’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Crema, impegnato da anni sul territorio nella promozione di una cultura di pace, nonviolenza e solidarietà, organizza per la giornata di domenica 11 settembre 2016 la IV Marcia della Pace (I edizione per Crema e il Cremasco). Questo è reso possibile solo grazie alla collaborazione con i Marciatori della Pace di Vaiano (Polisportiva Vainese), il Comitato per la Pace del Cremasco e i Comuni di Montodine, Pandino, Pianengo, Capergnanica, Capralba, Casaletto Vaprio, Cumignano Sul Naviglio, Ripalta Arpina e con la collaborazione dei Comini di Bagnolo Cremasco e Palazzo Pignano.

Numerose sono le iniziative che la rete di Comuni e associazioni ha infatti realizzato in questi anni; oltre all’annuale Marcia, diverse sono state le mobilitazioni e raccolte fondi per sensibilizzare l’opinione pubblica su temi spesso ignorati.

Dopo aver marciato e collaborato per tre anni consecutivi all’iniziativa organizzata da Lodi, quest’anno la città di Crema si è organizzata con il cremasco per continuare a coltivare il concetto di pace e di cittadinanza solidale nel nostro territorio, avendo risposto lo stesso con grande sensibilità al tema.

I diversi gruppi di camminatori partiranno ognuno da un Comune del territorio per arrivare a congiungersi al gruppo di Crema presso il quartiere di Porta Nova in Largo della Pace e per poi arrivare tutti insieme presso lo spazio di Cremarena, dove si terranno degli interventi a tema e dei concerti.

La costruzione della pace, anche in questo tempo difficile, comincia dalle nostre città, dal “basso verso l’alto”, dalle periferie verso il centro.

Essere promotori della Marcia significa anche favorire l’accoglienza dei partecipanti durante il passaggio attraverso i vari Comuni, che vivranno così un momento di “festa” sentito da tutta la cittadinanza.

“Come rappresentante del Comitato cremasco per la Pace”, ha commentato Albano Rocco, del Comitato cremasco per la Pace, “vorrei ringraziare le associazioni e tutte le persone che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione. Ricordando che l’impegno non si ferma ad una singola apparizione, ma è in continuo movimento sul nostro territorio. Oggi festeggiamo, ma domani siamo già attivi con piccole, ma significative attività quotidiane che alimentano il fuoco della Pace, intesa come solidarietà, integrazione, amicizia e aiuto ai più bisognosi”.

“Vogliamo fare in modo che l’organizzazione della Marcia consenta ai cittadini del territorio cremasco di essere protagonisti di una grande iniziativa di pace”, ha detto invece l’assessore Paola Vailati, “di poter riflettere sul nostro essere responsabili della storia e del processo di trasformazione del mondo, di scoprire il senso, il significato e il valore dell’impegno per la giustizia e i diritti umani”.

© Riproduzione riservata
Commenti