Ultim'ora
Commenta

Favoreggiamento immigrazione
e manodopera clandestina:
denunciato un egiziano

Nel pomeriggio di ieri i carabinieri della stazione di Camisano hanno controllato una pizzeria di Ricengo e hanno in seguito denunciato per favoreggiamento dell’immigrazione il gestore egiziano del locale.

Durante il controllo i militari hanno scoperto che uno dei lavoranti fosse un immigrato, connazionale del titolare, senza carta d’identità e senza permesso di soggiorno. Il clandestino è stato portato in caserma per gli accertamenti, dove ha riferito di essere giunto in Italia solo da pochi giorni. Al ragazzo, appena 18enne, sono state prese le impronte digitali, dopodiché i carabinieri lo hanno accompagnato alla questura di Cremona per l’espulsione dal territorio nazionale.

Sul gestore del locale grava ora una denuncia per favoreggiamento e impiego di manodopera clandestina, oltre a quella per somministrazione di bevande alcoliche a minori. Le autorità hanno infine disposto la chiusura della pizzeria.

“Al fine di contenere il fenomeno dell’immigrazione clandestina che in questi ultimi mesi si è particolarmente acuito, sono stati predisposti servizi di controllo sia lungo le principali vie di comunicazione nonché sulle attività commerciali gestite da stranieri – ha spiegato il capitano Giancarlo Carraro – Nei mesi scorsi erano già stati controllati alcuni laboratori tessili nonché delle lavanderie industriali gestite da cinesi, riscontrando l’impiego di manodopera clandestina che aveva portato alla sospensione delle attività produttive e la denuncia all’autorità giudiziaria dei titolari per impiego di manodopera irregolare. Oltre al fenomeno dell’immigrazione clandestina – ha proseguito Carraro – si va a contrastare la concorrenza sleale che queste attività creavano nei confronti di quelle gestite da italiani, poiché, non regolarizzando la posizione dei dipendenti, riuscivano a contenere le spese e, di conseguenza, a produrre ad un minor costo”.

Nelle prossime settimane verranno svolti altri controlli nei confronti delle attività commerciali gestite da stranieri nel territorio cremasco.

ab

© Riproduzione riservata
Commenti