Cronaca
Commenta

Dovera, arrestato indiano per spaccio. Condannato a 6 mesi e 1500 euro di multa

E’ stato arrestato ieri pomeriggio dai carabinieri, F.G., 23enne indiano, dopo le segnalazioni dei residenti di un quartiere di Dovera. I cittadini avevano notato che lo straniero si incontrava spesso ai giardini pubblici con alcuni ragazzi, sostando qualche minuto con loro per poi allontanarsi velocemente. I residenti hanno contattato i carabinieri di Pandino, ventilando l’ipotesi di un possibile spaccio di droga. Per evitare di insospettire lo spacciatore, i militari del paese hanno avvisato i colleghi del comando di Crema che, con l’impiego di militari in incognito e mezzi di copertura, hanno dato inizio all’indagine. Sono stati sufficienti pochi giorni di osservazione dei movimenti dell’indiano per confermare l’ipotesi di spaccio; poi, ieri, l’arresto. Lo straniero ha ricevuto una telefonata ed è poi stato raggiunto da un’auto guidata da un ragazzo che lo ha fatto salire a bordo e si è allontanata. I militari hanno allertato i colleghi in uniforme, che, fermata l’automobile, hanno scoperto che l’indiano aveva consegnato una dose di marijuana al ragazzo in cambio di alcune banconote. Il giovane spacciatore aveva con sé, in un piccolo involucro di cellophane, dell’altra marijuana oltre a denaro contante pari a 320 euro che sono stati sequestrati in quanto considerati provento dell’attività di spaccio. Anche il domicilio dell’indiano è stato sottoposto a perquisizione da parte dei militari che nell’abitazione hanno rivenuto altri cinque grammi di marijuana e una bilancina elettronica di precisione. “Il giovane è stato dichiarato in stato d’arresto e rinchiuso in camera di sicurezza in attesa del rito per direttissima, ha spiegato il capitano Giancarlo Carraro – Questa mattina il processo si è concluso con la conferma dell’arresto e la condanna a sei mesi di reclusione e 1.500 euro di multa, mentre il cliente dell’indiano è stato segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti a scopo non terapeutico”.

ab

© Riproduzione riservata
Commenti