Cronaca
Commenta

Un cuore in ogni quartiere: Crema premia la solidarietà

Sala degli Ostaggi, i premiati

Sono state consegnate ieri pomeriggio, nel giorno delle celebrazioni per il patrono della città San Pantaleone, le benemerenze civiche di Un cuore in ogni quartiere, iniziativa promossa dall’amministrazione comunale per premiare le persone che più si sono distinte, secondo i cittadini, per gesti di solidarietà e di altruismo incondizionato verso la comunità.

L’edizione 2016 dell’iniziativa si è svolta in sala degli Ostaggi, dove oltre ai premiati si sono presentate all’appuntamento tante persone da riempire ogni spazio disponibile. Ciò a testimonianza di quanto l’operato di alcune persone sia apprezzato e riconosciuto dai concittadini, che in questa situazione non hanno mancato di tributare parecchi applausi.

La cerimonia ha visto la consegna – da parte del sindaco Stefania Bonaldi, dell’assessore al Welfare Angela Beretta e del sindaco di Ricengo Ernestino Sassi – di 29 medaglie ed altrettante pergamene, sia a singoli cittadini sia ad associazioni, onlus e realtà di volontariato. Ad allietare la manifestazione – organizzata dai consiglieri Matteo Gramignoli, Pietro Bombelli e Paolo Valdameri – la melodia dei brani eseguiti dall’ensemble di musica Cremaggiore.

Sala degli Ostaggi, alcuni dei presenti
Sala degli Ostaggi, alcuni dei presenti

Di seguito, l’elenco dei premiati:

Loretta Boschiroli (impegnata con l’associazione Aima nel sostegno ai malati d’alzheimer);
l’associazione Rubino (impegnati nel sostegno ai malati oncologici in ospedale);
Danila Piloni (per l’impegno a favore dei bambini del Congo e del Brasile nell’associazione Amici del Brasile);
Luciano Ricci (sentinella ecologica della città negli Amici del Serio);
Giovanbattista Bassani (per l’impegno nell’associazione Insieme è meglio);
Cornelia Triassi (per l’impegno sempre attivo a favore dei ragazzi disabili);
Angelo Ferla (per l’impegno nel museo di Crema);
Antonio Guerini Rocco (per l’impegno nell’associazione Slossel e nel volontariato);
Enrico Volli e Franca Galmozzi (per l’impegno con gli anziani della Fondazione benefattori nell’Avulls);
Annalisa Radici per l’Associazione Donna Sempre (per l’impegno nell’aiuto alle donne);
Enzo Ventura (per l’impegno in molteplici associazioni, in particolare nell’assistenza ai motulesi);
Guido Turra (per l’impegno quotidiano nella realizzazione e cura dei giardini sulla tangenzialina);
Luciano Priore (per l’impegno nei confronti dei ragazzi della polisportiva di Castelnuovo);
a nome dei volontari della parrocchia di Ombriano, Marino Guerci e Linella Guerini Rocco (per le iniziative nel quartiere);
Romilde Torresani (per il volontariato a favore dei bambini di Castelnuovo);
Franco Tolotti (per aver ridipinto le aule delle elementari di Castelnuovo);
Elda Giacosa (per l’impegno a favore dei bisognosi di Castelnuovo);
Pina Mancastroppa (per l’impegno a favore dei bisognosi di san Bernardino);
Angelo Valdameri (sacrestano di san Bernardino e instancabile organizzatore dei mercatini di libri pro missioni);
Bruna Guerretti Forti per il Gruppo Caritas Crema nuova (per la preziosa attività a favore del prossimo);
Adriano Tango (volontario come medico internazionale nell’associazione La vita per te);
Gian Battista Serina (per il prezioso aiuto nelle manifestazioni a favore dei ragazzi del Cre);
Massimo Forti (instancabile animatore del gruppo per il Ciad a favore delle popolazioni più svantaggiate);
Monica Buscema (per l’impegno e la disponibilità nell’associazione della piazza housing sociale ai Sabbioni);
Renato Stanghellini (per essere sempre un cuore in mille cuori coi Pantelù);
Angela Torazzi per le Crocerossine di Crema (per il servizio svolto nell’ambulatorio di piazza Garibaldi);
Pietro Valcarenghi a nome dell’Avis Crema (per il servizio svolto dai suoi 1300 volontari donatori);
Enrico Fantoni (per l’impegno a favore dei rifugiati e dei migranti);
Giulio Bianchessi (primo volontario cremasco in aiuto alle popolazioni del Friuli nel terremoto del 1976): assieme a don Ennio Raimondi ha il caloroso applauso dei presenti e il sentito ringraziamento da parte di una delegazione Mels, guidata dal parroco don Giuliano, parroco di Mels.

© Riproduzione riservata
Commenti