Commenta

Capralba, duello
a colpi di manganello
per una ragazza

I manganelli sequestrati

Nell’era dell’offesa digitale ci sono ancora giovani che preferiscono regolare i conti alla vecchia maniera. Niente mediazioni né perdite in tempo in battibecchi, bensì manganellate ben assestate, in una sorta di duello spartano per stabilire chi dei due fosse più meritevole delle attenzioni di una giovane ragazza, contesa tra i litiganti.

È quanto accaduto ieri sera a Capralba. Le violenze hanno portato alla denuncia di due giovani del posto, di 25 e 23 anni. Accompagnati presso la caserma di via Macallé, i ragazzi sono stati sottoposti ad accertamenti e infine differiti; l’accusa di reato è di lesioni aggravate e possesso di strumenti atti ad offendere: due manganelli, uno in legno ed uno in acciaio, telescopico – entrambi sequestrati.

La segnalazione alle forze dell’ordine è giunta in centrale attorno alle ore 21. Ciò che i carabinieri hanno trovato una volta giunti sul posto era un giovane insanguinato, il quale ha dichiarato di esser stato vittima di un aggressione. Data la gravità delle ferite, i militari hanno provveduto ad allertare i soccorsi medici; nel frattempo, hanno iniziato a raccogliere le testimonianze di alcuni testimoni oculari, che insospettiti dalle grida si erano affacciati alle finestre.

Proprio durante l’ascolto dei testimoni, sul posto è arrivato il secondo giovane: dopo la lite, il 23enne si era allontanato in bicicletta, salvo poi tornare per raccontare la sua versione dei fatti. Ciò che i militari dell’Arma hanno potuto appurare è come entrambi i giovani fossero giunti all’appuntamento armati: quando il primo è giunto in auto, il secondo era già lì ad aspettarlo, ed estratto il manganello ha rotto i vetri del veicolo per colpire l’altro ragazzo alla testa. La reazione non s’è fatta attendere. Sfoderata l’arma, anche il secondo ha iniziato a picchiare. La colluttazione è terminata grazie all’intervento di un residente, che sceso in strada è riuscito a placare i giovani e a strappargli di mano i manganelli.

© Riproduzione riservata
Commenti