Commenta

8 marzo: la donna
celebrata con testi,
musica e recitazione

Nella foto, i partecipanti alla conferenza di presentazione.

“Perché possa essere uno stimolo e non una scusa, per curarsi di più delle donne, durante tutto l’anno e non solo in un lasso di tempo circoscritto”, anche quest’anno l’amministrazione di Crema ha organizzato una serie di iniziative in occasione della Festa della donna, “momenti di riflessione, di valorizzazione ed esaltazione della parità tra generi”, ha spiegato Paola Vailati, assessore alle Pari opportunità, in conferenza stampa presso palazzo comunale.

PROGRAMMA – Data d’inizio sarà il 5 marzo, con Pensieri artistici, incontro di lettura recitata e momenti musicali sulla figura della donna in sala Pietro da Cemmo alla ore 21. Il 6 marzo, dalle ore 8.30 alle ore 12.30, Con sguardo di donna: ospedale aperto per visite gratuite negli ambulatori di Senologia, Ginecologia, Dermatologia. L’8 marzo alle ore 21 il teatro San Domenico ospiterà Svergognata, spettacolo con Antonella Questa. Il giorno seguente, alle ore 21 presso la sala Fra Agostino del museo civico, Pensieri al femminile, incontro a tema dell’associazione Concrescis. Infine il 10 marzo Donna è parola: in biblioteca letture sulla donna e spazio alle proposte letterarie dal pubblico, assieme alla cantante Arianna Vitale.

FESTA – Rispetto a quest’ultima iniziativa, Cecilia Brambini – della Consulta per le Pari opportunità – ha precisato si tratterà di “una sorta di happening, dove i testi e le poesie raccolte dalla Consulta potranno essere integrati da quelli scelti ed interpretati dal pubblico. L’aggiunta della musica di Arianna Vitale renderà la serata un momento di festa”. Sarà anticipata, il giorno prima, dallo spettacolo Svergognata, previsto l’8 marzo al San Domenico: “un monologo molto divertente – ha spiegato Roberta Ruffoni, responsabile per la comunicazione del teatro – incentrato sulla figura della donna, per chiudere la giornata con leggerezza”.

ATTENZIONE – Come da tradizione, alla celebrazione dell’8 marzo non mancherà il contributo dell’Asst di Crema: “la nostra attenzione al tema della donna è costante – ha commentato Gianni Baudino, direttore dell’Unità operativa di Ostetricia e Ginecologia – focalizzata non solo sui problemi ma rivolta anche alla prevenzione e alle terapie poco invasive. Ciò che interessa è quel che serve”. Dello stesso avviso anche Maurizio Grassi, direttore dell’Unità operativa di Oncologia: “l’anno scorso, nel corso delle visite, abbiamo scoperto due melanomi a un paio di donne e li abbiamo curati. Per noi il significato sta tutto qua: queste due donne continueranno a festeggiare l’8 marzo ancora per tanto tempo”.

SOSTEGNO – Secondo Gianna Bianchetti, presidente dell’associazione Donne contro la violenza, “la Festa della donna crediamo sia un’occasione per mantenere alta l’attenzione dia alla cura fisica, sia rispetto ai temi dell’accompagnamento alle donne, che spesso necessitano di un aiuto per riuscire ad uscire dalla violenza e dalla solitudine. L’8 marzo permette di far presente che sul territorio, oltre ai centri anti violenza, esistono altri presidi dove le donne possono trovare supporto. Qui a Crema, in particolare, parliamo della rete Con-tatto, che si prefigge l’obiettivo di far uscire dal tunnel della paura e dall’anonimato le donne vittima di violenza”.

Stefano Zaninelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti