Commenta

Il Consiglio comunale
ha approvato il bando
del nuovo palazzetto

Nella foto, un momento della seduta consiliare.

Con 14 voti a favore e nessuno contrario il Consiglio comunale ha dato il via alla procedura per l’affidamento della realizzazione del palazzetto polifunzionale. Illustrato da Matteo Piloni, assessore alla Pianificazione territoriale, il progetto ha ricevuto consensi trasversali, dalla maggioranza alla minoranza. La polemica divampata in sala degli Ostaggi ha invece riguardato la i presunti accordi “sottobanco” stretti tra alcuni membri della giunta e privati.

INTERFERENZE – Ne ha parlato per primo Simone Beretta, capogruppo di Forza Italia, etichettandole “interferenze”. Il consigliere ha messo alla berlina presunte interlocuzioni intraprese con il presidente della Fondazione Asilo di Ombriano – proprietari di un appezzamento di terreno attiguo all’area dove sorgerà l’impianto – per la cessione dei terreni a un privato che ha manifestato interesse a realizzare la struttura. Da qui la non partecipazione al voto finale.

Sala degli Ostaggi, alcuni consiglieri di minoranza

CRITICITÀ – Alla polemica procedurale, poi ripresa da tutti gli altri consiglieri di minoranza, si sono aggiunte altre criticità: Laura Zanibelli (Ncd) ha esposto il “problema della viabilità”, paradigma che prevede un’ulteriore concentrazione di traffico in un’area già molto transitata. Dello stesso avviso anche Tino Arpini (Solo cose buone per Crema), mentre Antonio Agazzi (Servire il cittadino) ha contestato l’ubicazione dell’impianto, suggerendo la Pierina quale opzione migliore.

OCCASIONE – Dai banchi della maggioranza, Sebastiano Guerini (Patto civico) si è focalizzato sull’occasione di poter realizzare un’opera importante, già inserita nel programma elettorale di più amministrazioni. Nel sottolineare la grande opportunità, Walter Della Frera, consigliere delegato allo Sport, ha ricordato come un palazzetto polifunzionale sia molto differente da una “palestra allargata”, controproposta avanzata dall’opposizione, e permetterebbe di soddisfare le esigenze anche delle più alte categorie sportive cremasche.

Sala degli Ostaggi, alcuni consiglieri di maggioranza

REPLICHE – Secondo Emanuele Coti Zelati (SeL), le polemiche della minoranza sono “polemiche sterili e strumentali al ruolo di minoranza”. Rispetto alle critiche alla viabilità, Gianluca Giossi e Livia Severgnini (Pd) hanno ricordato come il Pgt attuale – varato dall’amministrazione Bruttomesso – preveda nell’area di via Milano soluzioni per servizi sportivi e ricreativi; dubbi anche rispetto alla “soluzione Pierina”, dove già si sconta il pesante traffico dovuto all’alta concentrazione di industrie.

FACILITARE – Appena prima delle dichiarazioni di voto, l’assessore Piloni ha ricacciato l’ipotesi “che si emani un bando perché già si conosce il vincitore”. Rispondendo poi all’accusa di interferenza, ha inoltre spiegato che la vicenda è andata diversamente: “la Fondazione Asilo di Ombriano è stata contattata da un privato interessato alla sua area, e poi si è rivolta all’amministrazione per avere un parere; cosa avremmo dovuto fare, girarci dall’altra parte? Ruolo dell’amministrazione è creare le condizioni per cogliere le opportunità – ha concluso – nel rispetto dei ruoli di ciascuno”. Approvato lo schema, il bando rimarrà aperto per 50 giorni, per consentire la formulazione delle manifestazioni d’interesse.

Sala degli Ostaggi, gli assessori Matteo Piloni e Angela Beretta

[Clicca sul link per visualizzare la presentazione del bando]

Stefano Zaninelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti