Cronaca
Commenta

Vaiano Cremasco,
ieri sera furto
alla ditta Icas

Nella foto, la cassaforte scassinata.

Ladri, molto probabilmente professionisti, alla ricerca di denaro. Questo il sintetico identikit dei malviventi che ieri sera – poco dopo l’orario di cena – si sono introdotti allo stabilimento della Icas a Vaiano Cremasco. A differenza di altri episodi verificatesi in passato, stavolta l’obiettivo era preciso: il contante contenuto in cassaforte.

È Umberto Cabini, titolare dell’azienda, a spiegare l’accaduto: “è successo tutto tra le ore 20 e le 21.30. All’inizio è arrivata la telefonata: avvisava che era scattato l’allarme. Pensavamo fosse un sensore, ma non era così. Mio fratello è passato di lì attorno alle ore 21.30, e ha visto che all’interno c’era della nebbia. Può darsi che avendolo visto arrivare si siano dati alla fuga”.
Quello che è certo è che l’azione era pianificata, studiata a tavolino. Lo dimostra il fatto che “hanno oscurato tutti i sensori, e poi hanno proceduto a tagliare la cassaforte”. Non è ancora possibile stabilire con precisione cosa i malviventi abbiano trafugato: al momento si attendono le forze dell’ordine per i rilievi del caso e il prelievo delle impronte digitali. “Il denaro nella cassaforte non era molto: avevamo la cassa e qualche assegno, che probabilmente hanno preso – conclude Cabini – ne sapremo di più una volta conclusi i sopralluoghi”.

Stefano Zaninelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti