Cronaca
Commenta

Scuole, al via
le iscrizioni dei
nuovi alunni

Nella foto, l’assessore all’Istruzione, Attilio Galmozzi.

Dal 22 gennaio al 22 febbraio saranno aperte le iscrizioni per i nuovi alunni delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie. Come ha spiegato in conferenza Attilio Galmozzi, assessore all’Istruzione, “ci prepariamo ad accogliere tra i 1200 e i 1300 nuovi studenti: per facilitare la scelta dell’istituto a cui iscrivere i propri figli, abbiamo inviato oltre 800 lettere ad altrettante famiglie cremasche e abbiamo predisposto un elenco delle strutture ed i loro posti disponibili” (schede in fondo all’articolo).

PROTOCOLLO – Lo scorso anno l’amministrazione e gli istituti comprensivi hanno sottoscritto un protocollo d’intesa con l’obiettivo di rendere il sistema formativo omogeneo sul territorio. Il documento disciplina la formazione delle classi e fissa regole e criteri per evitare problemi e criticità quali il sovraffollamento; per quanto invece concerne la presenza di alunni stranieri, la circolare ministeriale del gennaio 2008 ha fissato il tetto massimo al 30% del numero di studenti totali.

ELENCHI – Per facilitare la conoscenza della disponibilità di posti di ciascun istituto, gli uffici comunali hanno predisposto due elenchi: uno relativo agli istituti comprensivi statali e uno relativo alle scuole paritarie. Per ogni istituto è specificato il numero di plessi che ne fanno parte e, per ciascuno di essi, il numero massimo di alunni ammissibili per l’anno 2016-2017. Oltre a ciò, alle famiglie dei futuri alunni della scuola dell’infanzia è stata inviata una lettera – tradotta in 4 lingue – con le indicazioni rispetto alle procedure e l’invito, in caso di necessità, a rivolgersi all’Ufficio scuola.

COMPRENSIONE – “Negli anni scorsi la difficoltà maggiore è stata quella di veicolare le spiegazioni – ha specificato l’assessore – quando manca comprensione delle procedure a monte, il rischio è che le difficoltà aumentino. Il giorno dopo la chiusura delle procedure d’iscrizione, come previsto dal protocollo, ci ritroveremo assieme ai dirigenti scolastici e al dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale per analizzare, classe per classe, tutte le eventuali criticità: dal sovraffollamento al disequilibrio del numero di straneri”.

INFORMAZIONE – Infine, è in corso di valutazione l’investimento per un progetto di alfabetizzazione precoce e di informazione rispetto ai servizi messi a disposizione dall’amministrazione: “si tratterebbe – ha dettagliato in conclusione Galmozzi – di una serie di incontri nei plessi scolastici dedicati alle famiglie (italiane, straniere e con alunni disabili), in previsione tra la primavera e l’estate.

Stefano Zaninelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti