Commenta

Romanengo, al
Galilei lo spettacolo
in memoria di Faber

Tutto pronto per il quinto appuntamento in memoria di Fabrizio De André, cantautore ligure scomparso l’11 gennaio 1999. A distanza di 16 anni, lunedì prossimo (11 gennaio) il teatro Galilei di Romanengo ospiterà la rielaborazione di Non al denaro, non all’amore né al cielo (quinto album di Faber) attraverso musica, letture ed immagini.

Sul palco, guidati dal cantautore cremasco Gio Bressanelli, Irene Bressanelli (al sassofono), Matteo Livraga (al violino) e Mattia Manzoni (al basso, fisarmonica e tastiera); le letture saranno invece affidate ad Alice Campari (Letture), coadiuvata dai visual di Elisa Tagliati.
“Lo spettacolo – spiegano gli organizzatori – si articola tra musiche, letture ed immagini, tutte tratte ed ispirate all’opera musicale e alla raccolta di poesie del poeta statunitense Edgar Lee Masters che, nel 1915 scrisse “The Spoon River Anthology”, poi tradotta in Italiano dalla scrittrice Fernanda Pivano, nel 1943, con il titolo di “L’antologia di Spoon River. Il concerto vuole dedicarsi alla Pace, in ogni sua forma. A sostegno di questo ideale saranno presenti i marciatori per la pace di Romanengo, Soncino e Vaiano, con il contributo del Coordinamento enti locali per la pace della provincia di Cremona”.
L’organizzazione della serata è stata affidata alle associazioni Il canto del cucù ed Eppur quel sogno ed ha ricevuto il patrocinio del comune di Romanengo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti