Cultura
Commenta

San Domenico,
la rivoluzione
parte dalla città

Volge al termine anche il 2015 della fondazione San Domenico. Gli ultimi due mesi dell’anno sono stati contrassegnati dall’avvicendamento del nuovo Cda – con l’ingresso di Giuseppe Strada, Fausto Lazzari e Domenico Baronio – che pur lavorando nel solco tracciato dalla precedente amministrazione rivendica una propria identità progettuale. Tre le parole d’ordine del 2016: talenti, valorizzazione, fruibilità.

TALENTI – Come spiega il presidente Strada, “la stagione teatrale è stata ben improntata dal precedente Cda. All’interno di questa stagione stiamo sviluppando nuovi appuntamenti partendo da un’idea: riportare a Crema i vari cremaschi che hanno avuto successo nei campi più disparati: dal cinema all’arte, passando anche per l’ industria. Vogliamo fare del San Domenico un momento di attrazione, dove persone di talento possano riversare sulla città le loro abilità”. A proposito di talenti, dopo aver ospitato Pietro Valsecchi, il 2016 si aprirà con Mario Tullio Giordana, ma è atteso anche Aldo Spoldi.

VALORIZZAZIONE – Dai talenti cremaschi conclamati a quelli in erba, altro obiettivo del 2016 sarà la valorizzazione delle risorse. “Il San Domenico contiene grossissime potenzialità – dettaglia Strada – e realizza molte iniziative che io stesso ancora non conoscevo fino in fondo. La valorizzazione delle risorse deve partire dall’istituto Folcioni, senza dimenticare i corsi di teatro e recitazione della nostra accademia dedicati ai giovani e ai ragazzi e ai giovanissimi”.

FRUIBILITÀ – Sarà la città a completare l’opera di valorizzazione del San Domenico. Porte spalancate a cittadini ed artisti, per permettere al pubblico di vivere i luoghi e le performance. In una parola: fruibilità. “Vogliamo aprire questo contenitore alla città – aggiunge il presidente – vogliamo renderlo fruibile. Per la prossima primavera stiamo pensando di riaprire i chiostri alla musica, organizzando aperitivi in musica (il sogno sarebbe farlo ogni settimana) in modo che la gente cominci a vivere questi spazi come fossero loro”.

L’AMORE A CREMA – L’amore per la città e quello per l’arte non possono che incontrarsi nel giorno di san Valentino:  “da metà mattino fino a sera apriremo i chiostri e gli spazi e li riempiremo di iniziative. Si saranno le più svariate esibizioni: dalle scuole di teatro e quelle di ballo, passando per i musici del Folcioni, sia docenti che studenti”. Una giornata che sia per tutti, anche per i più piccoli: si fa insistente l’indiscrezione che vuole Carlo Boccadoro quale ospite speciale, che presenterà il suo libro di favole in musica per bambini.

GIOVANI – Sta per aprirsi il nuovo anno, non può dunque mancare anche una riflessione sui giovani: “cominceremo ad aprire i chiostri dando spazio ai nostri giovani e alla loro musica, sparando sappiano attrarre anche i loro amici. Stiamo meditando sul teatro, dove abbiamo già alcuni corsi. Infine c’è la collaborazione con il Franco Agostino Teatro Festival, che vorremmo potenziare. Perché i giovani – conclude Strada – sono il futuro della nostra istituzione”.

Stefano Zaninelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti