Cronaca
Commenta

Crema e Cremasco:
8 persone denunciate,
oltre 120 controlli

Nella foto, i controlli all’isola ecologica di Camisano.

Proseguono le azioni delle Forze dell’ordine a tutela della sicurezza sociale. Massiccio l’intervento condotto ieri, martedì 22 settembre, disposto dal Comando provinciale dei Carabinieri. Sono oltre 120 le persone controllate mentre transitavano sulle strade principali, nei parcheggi dei centri commerciali e nei luoghi più malfamati. Tre i principali settori d’intervento su cui sono state concentrate le attività dei carabinieri: contrasto dei reati predatori; prevenzione delle cosiddette stragi del sabato sera; controllo e sgombero dei luoghi malfamati.

REATI PREDATORI – A Camisano 3 rumeni (residenti a Castelleone) sono stati beccati mentre tentavano di asportare materiale ferroso dall’isola ecologica; per tutti e 3, denuncia per furto e foglio di via dal Comune della durata di 3 anni. A Castelleone è stato denunciato un marocchino di 49 anni di Crema, trovato in possesso di una bici appena rubata ad una donna del posto, alla quale è stato riconsegnato il mezzo. Sempre a Castelleone, denuncia per un quattordicenne marocchino, beccato mentre trafugava capi d’abbigliamento da un negozio del posto.

PREVENZIONE – In questi giorni fioccano i festeggiamenti e i locali di sera si riempiono. Per evitare stragi stradali dovute alla guida in stati psicofisici alterati, sono stati disposti controlli lungo le principali arterie viabilistiche che conducono a Crema. A fine serata il bilancio è stato di due denunce (una donna di Agnadello ed un uomo di Crema) per guida in stato d’ebbrezza, mentre un terza persona – un bulgaro residente a Pavia – è stato sorpreso al volante di un camion senza aver mai conseguito la patente di guida. L’attività di controllo alla circolazione stradale ha permesso di evitare il verificarsi di sinistri stradali con feriti.

LUOGHI MALFAMATI – A Crema, l’intervento dei carabinieri è stato volto allo sgombero delle persone che spesso bivaccano al Campo di Marte. Nel bilancio dell’attività rientra: l’identificazione di 8 soggetti, per 2 dei quali – risultati clandestini – sono state attivate le procedure di espulsione dal territorio nazionale; il sequestro di dosi di hashish e la segnalazione alla Procura dei 2 possessori quali tossicodipendenti; infine, una denuncia per porto illegale d’arma a carico di un giovane di Vaiano, trovato in possesso di un coltello a serramanico.

In riferimento a quest’ultimo intervento, Giancarlo Carraro – capitano della Compagnia dei carabinieri di Crema – spiega che “tale azione verrà ripetuta anche nei prossimi giorni al fine di riportare il luogo alla sua normale connotazione e cioè  destinato alle famiglie che vogliono trovare la tranquillità in un ambiente naturale, senza dover assistere ad azioni di spaccio di stupefacenti o liti tra ubriachi o peggio ancora non poter più utilizzare, per paura, tali ambienti da troppo tempo abbandonati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti