Cronaca
Commenta

Marijuana e hashish
a scuola: denunciati
4 giovani studenti

Nella foto, le sostanze stupefacenti sequestrate dalla Polizia.

Al posto dei libri, nello zaino marijuana e hashish: mattinata sicuramente “alternativa” per quattro studenti di un istituto superiore della città, che al posto di un voto sul registro si sono buscati una denuncia per detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.

Tutto è iniziato stamattina davanti all’istituto scolastico. Cinque studenti, per nulla attratti dall’idea di entrare in aula, sono rimasti all’esterno dell’edificio nonostante l’inizio delle lezioni. Accortasi del fatto, la preside li ha convocati nel suo ufficio per quello che – almeno nelle intenzioni iniziali – sarebbe dovuto essere un severo richiamo. Ma, una volta entrati, nell’ambiente ha iniziato a spandersi l’odore delle infiorescenze cannabinoidi.
Attenendosi al protocollo, la dirigente ha subito allertato la Polizia di Stato, giunta sul posto in pochi minuti. La perquisizione che ne è seguita ha permesso agli agenti del Commissariato di recuperare 40 grammi di marijuana e una dose di hashish, oltre ad un bilancino e ad una pinzetta per prelevare la sostanza da pesare prima della vendita. Per quattro dei cinque ragazzi – tutti tra i 16 e i 17 anni, provenienti dalle province di Milano, Lodi e Cremona – è scattata la denuncia in concorso per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio; per il quinto, trovato senza sostanze, è partita la segnalazione alla Prefettura per verificare l’uso di stupefacenti ed, eventualmente, avviarlo a un programma di recupero terapeutico. Sbalorditi i genitori, che informati dei fatti si sono professati all’oscuro dell’attività dei figli.

Mattinata sfortunata anche per uno studente di un altro istituto superiore. Per lui una segnalazione in Prefettura dopo esser stato beccato nel bagno mentre fumava cannabis. La segnalazione alla Polizia è partita dal preside dell’istituto, che insospettito dall’aroma proveniente dai servizi igienici, ha condotto l’ispezione cogliendo in flagrante il giovane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti