Commenta

“Io valgo per tre”: la
battaglia per i diritti
delle persone disabili

Nella foto, il corteo in piazza Duomo.

“Io valgo per tre: per me, per te e per l’intera comunità in cui viviamo”. Questo il messaggio che la Comunità Papa Giovanni XXIII ha portato stamattina in piazza Duomo, in occasione della Giornata internazionale per i diritti delle persone con disabilità. Con loro più duecento studenti degli istituti superiori di Crema – oltre ad ANFFAS, Il Seme, Lo Scricciolo, Il Sole e il centro Primavera – a supportare la causa delle persone diversamente abili.

FLASH MOB – La manifestazione è iniziata attorno alle 10, in piazza Duomo. Sulle teste di ragazzi e ragazze solo teli bianchi: un’immagine che simboleggia la condizione delle persone disabili, spesso considerate alla stregua di individui invisibili. Situazione ancor più complicata dall’abolizione delle province, che in alcuni casi ha portato a consistenti tagli ai fondi per il supporto alla disabilità.

PROTAGONISMO – Fulcro della manifestazione, la voglia di riscatto e di protagonismo. Tolto il telo dell’anonimità è rimasta la voglia di metterci la faccia ed affermare il proprio valore, la propria individualità. “Ognuno di noi è chiamato a dare il proprio contributo per rendere il mondo un posto più umano”, ha spiegato Norberto Trovesi, della Papa Giovanni XIII; un appello, il suo, a diventare protagonisti nella difesa dei diritti delle persone con disabilità.

Piazza Duomo, un momento della manifestazione.

UGUAGLIANZA – Il messaggio della Comunità Papa Giovanni non ha lasciato indifferente l’amministrazione comunale. Come ha spiegato il sindaco, Stefania Bonaldi, intervenendo alla manifestazione, “dobbiamo far sì che l’uguaglianza non sia solo formale ma anche sostanziale: deve diventare un dato di fatto. Questo è l’impegno che ciascuno di noi deve assumersi”.

A TEATRO – Da piazza Duomo i partecipanti hanno poi sfilato in corteo verso il teatro dell’oratorio di Crema Nuova. Previsto, in mattinata, lo spettacolo della compagnia Tracce d’arte, composta da 26 attori portatori di disabilità. Uno spettacolo particolare, nell’immagine e nell’essenza, che anticipa il confronto con Max Bozzoni, regista e formatore di teatro sociale, e il gruppo degli attori.

IO VALGO PER TRE – Istituita nel 1981, la Giornata internazionale per i diritti delle persone con disabilità si pone l’obiettivo di favorirne l’inclusione sociale mediante la conoscenza dei temi della attinenti la disabilità stessa. Il tema che la Comunità Papa Giovanni XXIII ha scelto per il 2015 – “Io valgo per tre” – prende spunto dall’articolo 3 della Costituzione italiana, della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e dalla Convenzione sui diritti delle persone con disabilità; trova corrispondenza nelle parole di don Oreste Benzi (“Ognuno vale per gli altri, nonostante la fragilità, in quanto costruttore di vita, destinatario di una missione unica e insostituibile, cittadino attivo e protagonista della storia”); significa, in conclusione, che ciascuno di noi non solo vale molto, ma vale per molti: “per me, per te e per l’intera comunità in cui viviamo”.

Piazza Duomo, alcuni studenti durante il flash mob.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti