Commenta

A Crema, musulmani sfrattati
Ora cercano una nuova
sala per la preghiera

Scaduta la proroga, già rinnovata più volte, con il proprietario della casa di via Mazzini in cui da anni si ritrovavano per la preghiera quotidiana, i musulmani cremaschi sono ora stati sfrattati e non hanno più un posto in cui pregare.

Una situazione difficile per il gruppo religioso di Crema, che ora sta cercando un nuovo posta da affittare per proseguire con le proprie attività, in attesa che si costruisca  una sala di preghiera definitiva. lI Comune, nel frattempo, ha messo a disposizione la sala Alessandrini per la preghiera del venerdì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti