Politica
Commenta

Pizzetti ‘pontiere’ con minoranza Pd
sulla legge per il nuovo Senato

Luciano Pizzetti, esponente del Pd della provincia di Cremona e sottosegretario alle riforme, e il Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina, anche lui esponente democratico, con una lettera pubblicata oggi sul “Corriere della Sera” tentano di far rientrare il dissenso all’interno del Pd sul nuovo Senato aprendo ad un listino eletto ad hoc con le elezioni regionali. Nella lettera si chiede di dar vita a “Forme di partecipazione diretta dei cittadini alla composizione del nuovo Senato, da stabilire per principio in Costituzione e regolate con legge ordinaria”, perchè “è importante che la figura http://www.cremaoggi.it/wp-admin/post-new.phpdel senatore coincida con quella del consigliere regionale, se saltasse questa connessione si tornerebbe al classico sistema bicamerale, con un Senato semplicemente ridotto nelle funzioni. Così come sarebbe necessario che i presidenti di Regione entrassero di diritto nel nuovo Senato”. “La stagione del regionalismo -aggiungono- non è morta, ed anzi occorre rilanciarla dandole maggior impulso e rinnovata legittimazione. Viceversa si ripresenterà sotto forma di più forti divisioni e lacerazioni del sistema nazionale. Perciò una riflessione ulteriore andrebbe condotta sul Titolo V per metterlo meglio a punto. Rivolgiamo per queste ragioni un appello a tutto il Pd affinché su basi comuni e legittimanti si possa costruire un sistema repubblicano rinnovato”.
Nella proposta, sostanzialmente,  quando l’elettore andrà a votare per il consiglio regionale troverà sulla scheda i nomi già stampati dei candidati che, se eletti nell’ente territoriale, andranno a far parte del Senato. Se il primo del «listino» non ce la dovesse fare, scatterebbe il secondo e così via.
Il compromesso vede come promotori oltre a Pizzetti e a Martina, anche la presidente della Commissione Finocchiaro, il capogruppo dei senatori Pd Luigi Zanda e Gaetano Quagliariello di Ncd.
La proposta che sta marciando velocemente a dimostrazione del ruolo che Luciano Pizzetti sta avendo all’interno del partito, ha un punto fermo nel fatto che non è messa in discussione la «connessione» tra la figura del consigliere regionale e quella di senatore dell’assemblea delle autonomie territoriale. Come richiesto dal Ministro Boschi e dallo stesso premier Renzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti