Commenta

Furto dal veterinario:
medico addormentato
Via oggetti e un cane

Nella foto, una clinica veterinaria

Furto anomalo nella Clinica Veterinaria di via Stazione. Intorno alle 5.30 dei ladri si sono introdotti  forzando una finestra della clinica, dove si trovava un  medico di turno che stava riposando.

Per agire indisturbati i ladri hanno usato l’isoflurano, del gas narcotizzante, tanto che il medico non si è accorto di nulla. Tra gli oggetti rubati,  sostanze stupefacenti che si trovavano all’ interno di un armadio chiuso ermeticamente, un microscopio, un computer, una valigetta con attrezzature x endoscopio, una stampante e un video proiettore, più l’incasso della giornata, equivalente a 1.400 euro.

L’anomalia sta nel fatto che il furto sembrava mirato, i ladri sapevano esattamente cosa rubare, perché  i cassetti e i vari armadi sono stati trovati perfettamente in ordine. Solo qualche boccetta di medicinali  tirata fuori dai propri involucri.

Ciò che aveva più allarmato i titolari della clinica era stata la scomparsa di Paco, un setter  di 8 mesi che, di notte, dormiva in una gabbia chiusa. La gabbia era stata aperta e Paco era svanito nel nulla.

Ma, in tarda mattinata, un ragazzo è passato davanti alla clinica con il cane, dicendo di averlo trovato nelle vicinanze, impaurito e assetato.

Da una brutta storia, il furto è stato denunciato ai Carabinieri e il danno economico sembra ingente,quasi 10.000 euro, potrebbe scaturire il classico lieto fine. Il ragazzo, che ha trovato Paco, si è detto interessato a comprare  il cane. Ma non ce ne sarà bisogno: Paco dimora presso il canile di Vaiano Cremasco, era degente in clinica solo a causa di un parassita intestinale. Senza spese, potrebbe essere al più presto adottato e avere finalmente una famiglia. Felicissimi i titolari della Clinica Veterinaria che gestiscono anche il Canile. “Ha promesso di ritornare, lo attendiamo con ansia e ci impegnamo a facilitare le pratiche per dargli in affido Paco”. Ovviamente guarito.

Sabrina Grilli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti