Ultim'ora
Commenta

La Lega Nord
dice no alla fusione
tra Lgh e A2A

La Lega Nord di Crema dice no alla fusione tra Lgh (Linea Group Holding) e A2A ed  esprime forte preoccupazione rispetto alle ipotesi che si prospettano.

L’opposizione della Lega arriva a seguito della lettera di intenti, scritta una quindicina di giorni fa,  da A2A,la multiutility municipalizzata dell’area milanese e bresciana, quotata in borsa, a Linea Group Holding, società per azioni a capitale pubblico, partecipata oltre che dal comune di Crema, dai comuni di Cremona, Pavia, Lodi e Rovato, che svolge servizi fondamentali quali, raccolta e smaltimenti rifiuti e gestione di impianti tra cui il teleriscaldamento.

Una lettera che è il primo atto concreto di una fusione, di cui si parla da tempo,  nei confronti della quale la Lega Nord intravede dei rischi per i cittadini cremaschi che potrebbero vedere aumentate le tariffe di molti servizi e non avrebbero più una rappresentanza diretta del proprio comune a cui fare riferimento, perché inglobato in un assetto societario molto più ampio e dai molteplici interessi.

La preoccupazione della Lega Nord deriva  soprattutto dal processo di accelerazione verso la fusione che si è avviato nell ultimo periodo. Sembra  più una spartizione di poltrone tra sindaci allineati dallo stesso colore politico, che oggi siedono  in  a2a e lgh. Un’operazione, quella della fusione, che secondo la Lega potrebbe appianare i debiti delle municipalizzate poco virtuose, a discapito delle partecipate che hanno i conti in ordine grazie alle tasse pagate dai cittadini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti