Cronaca
Commenta

Auto contro Tir all’altezza di Ombriano
Tangenziale bloccata per un’ora

In prima pagina, il Tir uscito di strada dopo la collisione

La Seat Ibiza che si è scontrata con il Tir e, dietro, la Golf coinvolta nel sinistro

CREMA – Un grave incidente ha bloccato per oltre due ore la tangenziale di Crema. E’ successo questa mattina pochi minuti prima della 9 nel tratto che attraversa il territorio di Ombriano, pochi metri dopo il luogo del tragico incidente che nel luglio del 2013 costò la vita a quattro operai. A quell’ora una Seat Ibiza stava viaggiando con direzione Milano, nell’affrontare una curva a destra, l’autista dell’Ibiza, Michael Q., 22 anni di Crespiatica, probabilmente ha accusato un colpo di sonno, ha sbandato leggermente andando a sbattere contro un Tir Man che viaggiava nella corsia opposta. L’urto è stato molto forte: la Ibiza è rimbalzata nella sua corsia con il semiasse anteriore sfasciata e i pezzi dell’auto hanno colpito una Golf che la stava seguendo, andando poi a terminare la sua corsa contro il guard rail; il Man, invece, senza più controllo ha attraversato tutta la corsia di sinistra, ha sfondato il guard rail e si infilato in uno strettissimo pertugio tra la spalla di cemento del ponte e il guard rail, restando incastrato. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, un’ambulanza e l’auto medica e la polizia locale. La tangenziale è stata immediatamente bloccata e si sono formate lunghissime code e il traffico, dirottato in città, ha ostruito tutta via Milano e via Libero Comune. Intanto in ospedale sono stati trasportati l’autista della Ibiza e un collega di lavoro dell’autista del Man, rimasto ferito superficialmente a un dito e con qualche contusione. Più serie le condizioni del 22enne lodigiano, estratto cosciente dalla sua auto e trasportato al pronto soccorso, dove è stato ricoverato. Nella tarda mattinata il ragazzo è stato operato e i medici si sono riservati la prognosi.

“Non ho visto nulla – ha detto O. P, 38 anni, autista di S. Martino in Strada che guidava il Man. – Ho solo sentito un forte urto contro il cassone e poi ho perso il controllo del mio camion. Ho attraversato tutta la carreggiata. Io e il mio collega siamo stati fortunati due volte. La prima perché dalla parte opposta non veniva nessuno e la seconda perché non abbiamo preso la spalla di cemento del ponte”. Sul posto del sinistra dapprima è arrivata la madre del guidatore della Ibiza e poi un cugino che ha detto: “Michael sta lavorando all’Expo per una ditta di Offanengo. Ha fatto il turno di notte ed era rientrato in ditta per lasciare il furgone e prendere la sua auto. Probabilmente ha avuto un colpo di sonno”.

Pier Giorgio Ruggeri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

GUARDA IL VIDEO DEL LUOGO DELL’INCIDENTE

© Riproduzione riservata
Commenti